Tangenti sui condoni edilizi,
due arresti a Maddaloni

  • 05/12/2017 16:56:26
  • CRONACA

Maddaloni (Caserta) - I carabinieri del comando stazione di Maddaloni, su disposizione della Procura della Repubblica di Santa maria Capua Vetere, hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misure cautelari, emessa dal Gip presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti di Michele Della Peruta, funzionario addetto all’Ufficio Tecnico del Comune di Maddaloni per il quale è stata disposta la custodia in carcere, e Michele Pietropaolo, libero professionista soggetto al divieto di dimora nel comune di Maddaloni.

I due, ciascuno attraverso modalità di condotta differenziate e funzionali rispetto agli obiettivi da loro perseguiti, hanno concorso a realizzare ipotesi delittuose riconducibili nell’ambito delle fattispecie incriminatrici dell’induzione indebita a dare o promettere utilità e della truffa aggravata.

Nello specifico il funzionario pubblico con la complicità del summenzionato libero professionista e di altre persone, attualmente sotto indagine, ha creato un articolato sistema criminale avente come effetto la mercificazione della cosa pubblica, amministrata e gestita nell’esclusivo interesse economico dei sodali.

Della Peruta infatti, in quanto responsabile dell’ufficio condoni del comune di Maddaloni, attraverso l’intermediazione del geometra Pietropaolo e di altri liberi professionisti deputati alla cura delle pratiche volte al rilascio del c.d. permesso di costruire in sanatoria, abusando chiaramente della sua autorità e dei suoi poteri, ha indotto o tentato di indurre alcuni cittadini maddalonesi a consegnargli un’indebita somma di denaro a titolo di tangente, necessaria al fine di conseguire, attraverso un elaborato e collaudato sistema criminale, una sostanziosa decurtazione del dovuto per il perfezionamento dell’iter procedimentale finalizzato all’ottenimento del c.d condono edilizio.
Il predetto sistema illecito, escogitato da Della Peruta, si sostanzia nell’utilizzo di falsi bollettini di conto corrente postale, già validati e relativi agli anni 1986-87, sui quali il cittadino interessato ad ottenere la riduzione o l’azzeramento del debito con il Comune, dopo aver consegnato al funzionario pubblico una somma di denaro quale indebito corrispettivo dell’interessamento, avrebbe dovuto soltanto indicare un importo di denaro in lire, che poi sarebbe stato effettivamente decurtato dalla somma complessiva dovuta, attraverso l'inserimento del bollettino stesso - da parte del funzionario corrotto - nell'incartamento relativo alla pratica concernente la richiesta di sanatoria edilizia, in modo tale da far risultare che il pagamento degli oneri concessori, delle sanzioni e del conguaglio dovuto a titolo di oblazione, fosse già stato effettuato nel 1986 o nel 1987.

Il procedimento penale ha avuto origine dalle propalazioni accusatorie di Luigi Osati, il quale, destinatario della proposta illecita consistente nell'ottenimento di una decurtazione significativa della somma dallo stesso dovuta per il conseguimento del c.d. condono edilizio a fronte della corresponsione di una tangente di ammontare pari a 5000 euro, ha categoricamente rifiutato l'offerta e ha tempestivamente denunciato i fatti ai Carabinieri di Maddaloni. Osati, tra l'altro, di sua iniziativa, ha consegnato alla polizia giudiziaria operante alcune registrazioni, da lui effettuate, inerenti le conversazioni intrattenute con il geometra Michele Pietropaolo, libero professionista incaricato dallo stesso denunciante per la cura della pratica di permesso di costruire in sanatoria ex L. 47/85 nr, 2206, relativa all'opera abusiva realizzata in Via G.B. Vico a Maddaloni. Da tali registrazioni, così come dagli ulteriori elementi raccolti nel corso dell'attività investigativa, emerge inequivocabilmente il pieno coinvolgimento del libero professionista nell'elaborazione e nell'esecuzione della condotta criminale.

A seguito della denuncia di Osati, le attività investigative hanno portato all'individuazione di ulteriori condotte delittuose perpetrate attraverso le medesime modalità e concernenti le pratiche relative alle richieste di permesso di costruire in sanatoria ex L. 47/85 presentate nell'interesse di Rosa lovene e Clemente Della Valle, i quali hanno consegnato a Della Peruta, rispettivamente, somme di denaro pari a 500 euro e a 1300 euro.

L'impianto indiziario, integrante i presupposti cautelari, è stato edificato attraverso elaborate attività investigative di natura intercettiva, nonché mediante l'effettuazione di consulenze tecnico/contabili, il tutto avallato, poi, dalle dichiarazioni rese da alcune persone informate sui fatti, dall'interrogatorio di Pietropaolo e di ulteriori indagati e da perquisizioni e sequestri di documentazione all'interno degli uffici comunali e degli studi dei liberi professionisti interessati.

News correlate