Le monetine da 1 e 2 cent tornano utili,
l'app Centy le trasforma in denaro virtuale

  • 09/10/2017 17:01:36
  • CALEIDOSCOPIO

Quante monetine da uno, due e cinque centesimi abbiamo lasciato sepolte ed inutilizzate nei salvadanai, nei cassetti di casa o negli appositi vani delle nostre auto? Tantissime, perché le monete di taglio così piccolo molto spesso non vengono percepite come denaro e risultano estremamente difficili da spendere.
Per risolvere questo problema, a causa del quale una grossa somma finisce per non alimentare l'economia, due giovani della provincia di Milano, Davide Cafaia e Lorenzo Vidoz, hanno ideato e realizzato Centy, una app ( inglobata da Digital Magics, incubatore di app quotato in borsa) che permette di trasformare le insignificanti monetine in denaro virtuale nel giro di pochissimi secondi.

Dal 2002 ad oggi sono state coniate oltre 45 miliardi di monetine da 1 e 2 centesimi e, stando ai calcoli di Cafaia, oggi ci sarebbero circa 180 milioni di euro in monete di piccolo taglio che non vengono spesi dagli italiani, senza considerare il resto dei paesi europei in cui viene utilizzata la moneta unica.

Come funzione Centy? In maniera molto semplice perché la startup sfrutta il bisogno di alcune categorie di lavoratori (un esempio su tutti è rappresentato dai cassieri al supermercato) che hanno assoluto bisogno di queste monetine e che spesso faticano a trovarle: nel progetto dei fondatori all'interno di centri commerciali, supermercati, aeroporti, stazioni e nei luoghi di ritrovo verranno installati dei ricevitori che dopo aver “riconosciuto” l’utente grazie al collegamento tra app e smartphone, apriranno uno sportellino e permetteranno alla persona di depositare all’interno la sua scorta di insignificanti monetine: le monete verranno poi conteggiate e trasferite nei luoghi in cui possono tornare utili, mentre l’utente avrà scelto se trasferire quel denaro sul proprio conto corrente, sulla carta di credito, o se utilizzarlo magari per una ricarica telefonica.

Ovviamente si potrà anche decidere di devolvere quel denaro in beneficenza. Se invece quest'idea proprio non vi piace potrete sempre decidere di conservare le monete placcate in rame sperando che siano particolarmente rare o che, una volta eliminate dal conio (probabilmente nel 2018), possano acquistare un minimo di valore.

News correlate