Detenuto aggredisce tre agenti
penitenziari: volevano perquisire la sua cella

  • 12/09/2017 17:47:39
  • ATTUALITA

Santa Maria Capua Vetere (Caserta) - Tre agenti di polizia penitenziaria questa mattina all’interno del carcere di Santa Maria Capua Vetere sono stati aggrediti da un detenuto ristretto nel reparto Nilo. L’uomo, un trentenne italiano, si è scagliato con calci, pugni e testate contro le tre guardie, solo per il fatto che queste ultime stavano per effettuare una perquisizione ordinaria di cella.

L’episodio è stato reso noto tramite una nota stampa a firma di Leo Beneduci, segretario dell’O.S.A.P.P. l'organizzazione sindacale autonoma della polizia penitenziaria: “Presso il padiglione Nilo del carcere di Santa Maria Capua Vetere sono allocati circa 300 detenuti" dichiara Beneduci “e vi è la presenza di una sezione psichiatrica e di una settore con detenuti ex tossicodipendenti. Nel reparto è attuata la cosiddetta "vigilanza dinamic" con i ristretti lasciati liberi di circolare senza controllo all'interno dei corridoi, per cui è probabile che a fronte di cotanta libertà la perquisizione della cella, peraltro ordinaria e prevista dal regolamento, sia stata intesa dal detenuto quale vero e proprio abuso”.

News correlate