La Casertana torna da Andria
con un punto. A Barisic risponde Alfageme

  • 09/09/2017 20:40:52
  • SPORT

La Casertana torna da Andria con un punto prezioso ma anche con qualche rimpianto. Gli uomini di Scazzola sono apparsi decisamente poco determinati nel primo tempo, mentre per tutta la ripresa sono riusciti a imporre il proprio gioco agli avversari pur trovando il pari con Alfageme solo all’ottantacinquesimo.
Proprio come nella prima uscita contro il Catanzaro, è mancata la continuità di rendimento nell’arco dei 90 minuti. Il risultato è comunque positivo, anche alla luce del fatto che molti giocatori importanti si sono aggregati al gruppo solo nelle ultime settimane e avranno bisogno ancora di un po' di tempo per trovare l’intesa giusta con i compagni.

LA GARA

Al “Degli Ulivi” sia la Fidelis Andria che la Casertana scendono in campo con il 4-3-3: i padroni di casa confermano le attese schierando in attacco Lattanzio, Croce e Barisic mentre gi ospiti sostituiscono gli infortunati Benassi e D’Anna con Cardelli, riconfermato tra i pali, e Galli ad agire da terzino destro. Per il resto formazione “tipo” con Rajcic, Carriero e De Rose a centrocampo e Alfageme e Marotta ai lati di Padovan.

Al terzo giro d'orologio prima occasione per i falchetti che sfruttano una ripartenza sull’asse Padovan-Alfageme: il tiro dell’argentino finisce di poco alto. Nei primi minuti però i rossoblu sbagliano diversi passaggi in fase di impostazione e concedono potenziali occasioni all’Andria. E al 10’ pagano le conseguenze dell’approccio troppo morbido: Lattanzio calcia dalla distanza, Cardelli non trattiene e sulla respinta il primo ad arrivare è Max Barisic che scaraventa in rete firmando l’1-0 per la Fidelis Andria. Lo svantaggio non provoca reazioni negli uomini di mister Scazzola, che, nonostante non arrivino ulteriori buone occasioni per i pugliesi, fanno molta fatica ad entrare in partita.
Alla mezz’ora Barisic salta Rainone e il difensore rossoblu lo atterra al limite dell’area rimediando il primo giallo della gara. Accade poco o nulla fino al 45’, con la Casertana che si fa vedere in avanti solo con tre corner non sfruttati al meglio. I falchetti chiudono la prima frazione di gioco con zero conclusioni nello specchio della porta e un numero altissimo di errori individuali.

Nessuna sostituzione nell’intervallo, tornano in campo gli stessi 22 protagonisti del primo tempo. A cambiare però è l’atteggiamento dei rossoblu, sin da subito più volenterosi e convinti di poter trovare il pareggio. Al 50’ Padovan sciupa un’occasione incredibile: l’attaccante scuola Juventus approfitta del grave errore del federiciano Allegrini, si invola indisturbato verso la porta avversaria e poi si fa ipnotizzare dal portiere avversario Maurantonio. Casertana di nuovo vicino al pareggio due minuti dopo ancora con Padovan, che raccoglie il passaggio smarcante di De Rose e spara di poco alto sulla traversa.
Scazzola decide di sostituire un impalpabile Rajcic per l’esterno offensivo Turchetta, sperando così di dare più fantasia alla manovra offensiva con due esterni offensivi e due punte. Gli effetti del cambio si vedono ma la Casertana, pur collezionando una lunga serie di calci d’angolo, non riesce a trovare il guizzo vincente per rimettere in equilibrio il match. I padroni di casa soffrono le iniziative rossoblu e non riescono a riaffacciarsi in avanti: al 70’ bella girata da fuori area di Marotta, ma la conclusione è troppo centrale e viene bloccata da Maurantonio. Qualche minuto dopo anche il buon tentativo di De Rose dalla distanza finisce alto di pochi centimetri. Ma a cinque minuti dal 90’, proprio qualche secondo dopo il tentativo dell’Andria con Esposito, arriva il meritato pareggio della Casertana: Alfageme, anche oggi tra i migliori, elude la marcatura della difesa pugliese e infila Maurantonio con un preciso destro. Nei quattro minuti di recupero le due squadre ci provano timidamente soprattutto sulle palle ferme, ma la partita termina con un pareggio tutto sommato giusto.

I rossoblu avrebbero potuto certamente fare di più, soprattutto nel primo tempo, ma un punto in trasferta non è mai da buttare. La Casertana, salita a quota 4 punti , ora avrà due settimane per preparare la sfida casalinga con l’Akragas: nella prossima giornata infatti i falchetti osserveranno il turno di riposo imposto dal format a 19 squadre.

(Manuel Zeno)

FIDELIS ANDRIA: 1 Maurantonio; 2 De Giorgi, 4 Allegrini, 6 Rada, 21 Curcio; 8 Piccinni, 25 Quinto (64' Esposito), 11 Matera; 10 Lattanzio (73' Nadarevic), 9 Croce (81' Scaringella), 7 Barisic (81' Tiritiello). (22 Cilli, 12 Antonacci, 3 Pipoli, 16 Minicucci, 18 Ippedico, 19 Celli, 20 Di Cosmo, 23 Bottalico). All. Loseto

CASERTANA: 22 Cardelli; 28 Galli, 18 Rainone, 25 Polak, 7 De Marco; 20 Carriero (75' Cigliano), 8 Rajcic (53' Turchetta), 24 De Rose; 10 Marotta (75' Tripicchio), 9 Padovan (87' Finizio), 21 Alfageme. (12 Avella, 3 Donnarumma, 4 Ferrara, 5 Lorenzini, 6 Forte, 17 Visconti). All. Scazzola.

News correlate