In carcere due ladri, entravano nelle
auto grazie a un disturbatore di frequenza

  • 19/05/2017 10:40:24
  • CRONACA

Maddaloni - I Carabinieri della stazione di Maddaloni, nel corso di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal Gip nei confronti del 59enne Antonio Maglione e del 47enne Pasquale Esposito: entrambi sono originari del quartiere Poggioreale, a Napoli, e sono ritenuti colpevoli di due furti avvenuti a Maddaloni tra febbraio e marzo.

Durante le ore di punta i due indagati, grazie ad un disturbatore di frequenze o con l’aiuto di un grimaldello, sono riusciti ad introdursi all’interno di due veicoli parcheggiati all’esterno di due bar nella trafficata via Forche Caudine, rubando borse contenenti oggetti personali (bancomat, computer portatile, cellulare) e la somma complessiva di circa 4mila euro.

I due ladri si appostavano nel parcheggio e attendevano l’arrivo delle persone per scegliere la vittima migliore; quando quest’ultima scendeva dal veicolo i due attivavano il disturbatore di frequenze e in questo modo impedivano al proprietario dell’auto di chiudere le portiere. Poco dopo uno dei due entrava nell’auto per rubare tutti gli oggetti di valore e l’altro aspettava al volante, controllando che tutto andasse per il verso giusto.

Le denunce delle vittime e i filmati delle videocamere di sorveglianza degli esercizi commerciali coinvolti hanno permesso di comparare le immagini raccolte ed identificare i due malfattori.

News correlate