Atlante delle Mafie: presentazione
alla Biblioteca Diocesana di Caserta

  • 10/11/2016 15:49:31
  • ATTUALITA

Caserta - Importante appuntamento culturale alla Biblioteca Diocesana di Caserta. L’11 novembre alle ore 17.30 in Piazza Duomo si terrà la presentazione del quarto volume dell’Atlante delle mafie, a cura di Enzo Ciconte, Francesco Forgione e Isaia Sales, scrittore, ex deputato e professore di Storia delle mafie all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Dopo i saluti di don Nicola Lombardi, insieme ad Isaia Sales interverranno durante l’evento il sindaco di Casal di Principe Renato Natale, Simona Melorio dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e Louise Shelley, direttore del Centro di Ricerca su Terrorismo, Criminalità internazionale e Corruzione della George Mason University in Virginia. Coordina l’evento “Le Piazze del Sapere”.

L’importante libro, edito da Rubbettino Editore, indaga il rapporto tra economia e mafie. Il peso che le mafie hanno nell'economia, non solo italiana ma mondiale, è tale che ormai sono le relazioni economiche, al pari di quelle politiche a differenziarle ed elevarle rispetto alle altre forme di criminalità organizzata. Il connubio tra organizzazioni criminali mafiose ed economie ufficiali (in Europa, negli Usa, nel Sudamerica e in altri Paesi del mondo) è un dato incontrovertibile che produce notevolissimi effetti a catena.

Gli studi statistici specializzati e i principali centri di studi sull'argomento hanno da alcuni anni fornito dati abbastanza stabili che sono stati fatti propri da organismi come l'Onu e l'Ocse. E sono proprio organismi ufficiali che da tempo hanno preso atto che questo connubio non riguarda livelli periferici e marginali dell'economia, ma sempre più il cuore delle aree strategiche dell'economia e della finanza, con effetti spesso sistemici. Oggi il controllo del territorio è solo uno dei tanti aspetti dell'identità mafiosa, e spesso non è nemmeno il più importante perché viene sostituito dal controllo dell’economia tramite appalti concessi illegalmente e accordi di altro tipo. (Daniela Russo)

News correlate