Stipendi italiani: la metà dei tedeschi
Anche in Grecia e Cipro sono più alti

27.02.12 In Italia la disoccupazione, soprattutto quella giovanile è un problema grave. Ma anche chi un posto di lavoro ce l'ha e pure a tempo indeterminato non se la passa troppo bene. E non solo per il peso del carico fiscale e contributivo. In Italia infatti gli stipendi medi sono tra i più bassi dell'Eurozona. Addirittura inferiori a quelli della Grecia. E in assoluto superiori solo a Malta, Slovacchia, Slovenia e Portogallo, Paesi non certo comparabili al nostro per dimensioni e sviluppo industriale.

La classifica che emerge dai dati Eurostat, pubblicati nel recente rapporto «Labour market statistics», prende come riferimento le aziende con almeno 10 persone ed ha dati riferiti al 2009. Dalle statistiche emerge che in media un lavoratore italiano ha guadagnato nell'anno di riferimento 23.406 euro lordi: circa la metà che in Lussemburgo (48.914), Olanda (44.412) o Germania (41.100). Seguono Irlanda (39.858), Finlandia (39.197) Francia (33.574) e Austria (33.384) . Ma più sorprendente risulta il livello più elevato di due Paesi in grave difficoltà economica come la Grecia (29.160) e la Spagna (26.316) a cui fa seguito Cipro (24.775).

Eurostat riporta l'elenco delle paghe lorde medie annue dei Paesi dell'Unione europea anche per gli anni precedenti all'ultimo aggiornamento (2009), così da poter anche osservare la crescita delle retribuzioni. L'avanzamento per l'Italia risulta tra i più ridotti: in quattro anni (dal 2005) il rialzo è stato del 3,3%, molto distante dal +29,4% della Spagna, dal +22% del Portogallo. E anche i Paesi che partivano da livelli già alti hanno messo a segno rialzi rilevanti: Lussemburgo (+16,1%), Olanda (+14,7%), Belgio (+11,0%) e Francia (+10,0%) e Germania (+6,2%).

Una buona notizia per l'Italia, invece, arriva dalle differenze di retribuzioni tra uomini e donne, quello che Eurostat chiama «unadjusted gender pay gap», l'indice utilizzato in Europa per rilevare le disuguaglianze tra le remunerazioni (definito come la differenza relativa, espressa in percentuale, tra la media del salario grezzo orario di lavoratori e lavoratrici). Ma è solo un'illusione. La Penisola, infatti, con un gap che supera di poco il 5% (con riferimento al 2009) si colloca ampiamente sotto la media europea, pari al 17%, risultando il paese con la forbice più stretta alle spalle della sola Slovenia; ma, appunto, non è tutto oro quel che luccica. Perchè a ridurre le differenze di stipendio in Italia contribuiscono fenomeni di cui non si può andare fieri, come il basso tasso di occupazione femminile e lo scarso ricorso (a confronto con il resto d'Europa) al part time. Non a caso tra i Paesi che vantano una minor divario ci sono anche Polonia, Romania, Portogallo, Bulgaria, Malta, ovvero tutti Stati con una bassa partecipazione delle donne al mercato del lavoro. (Corriere.it)

Vedo nero: il tatuaggio è negli occhi
Colorazione cornea con effetto permanente

16.01.15 Ad attirare l'attenzione sulla pratica dell'eyeball tattoo - il tatuaggio sulla cornea - è stato Jason Barnum. Trentanove anni, recentemente condannato per aver tentato di uccidere un poliziotto, Barnum non passa certo inosservato con metà volto coperto da teschi e simboli esoterici e la cornea dell'occhio destro completamente nera. A sperimentare per primo la tecnica negli Usa è stato il tatuatore americano Lunacobra, che ...segue

 

Riappare Lamberto Sposini
Su Instagram con Mara Venier

15.01.15 La bionda conduttrice ha inaugurato il suo nuovo profilo social su Instagram con una bella foto insieme al conduttore Lamberto Sposini, seguita dal commento: "Il mio amore". Un'immagine a testimonianza che le condizioni di salute del giornalista, colpito da un'emorragia cerebrale nell'aprile del 2011 mentre era alla conduzione de "La Vita in diretta", sembrano davvero migliorate segue

Stop al fumo nelle auto con minori
Il ministero conferma la stretta

13.01.15 In auto sarà vietato fumare in presenza di minori: è quello cui approderà il decreto cui sta lavorando il ministero «essendo ormai acclarati - afferma il dicastero in una nota - i danni da fumo passivo soprattutto tra i giovanissimi». La lotta contro il fumo, continua la nota, «è una priorità dell’Italia e dell’Europa. Il fumo è infatti ancora oggi la prima causa di morte. In Italia muoiono per patologie fumo-correlate ...segue

 

Pallone d'Oro, vince Cristiano Ronaldo
Battuti Neuer e Messi. Loew miglior tecnico

12.01.15 Cristiano Ronaldo è il vincitore del Pallone d'oro, per il secondo anno consecutivo e per la terza volta in carriera. L'ha eletto una giuria dal giudizio insindacabile, composta com'è da 208 giornalisti e 208 tra allenatori e capitani di altrettante nazionali. Con tre trofei (il primo se lo aggiudicò nel 2008, da ala del Manchester United) l'attaccante del Real Madrid, prototipo perfetto del calciatore 2.0 del terzo ...segue

 

E' morto Pino Daniele
Stroncato da un infarto a 59 anni

05.01.15 Per quasi un quarantennio è stato sinonimo di Napoli in musica. Quella colta, sempre alla ricerca di un ponte tra la straordinaria ricchezza sonora della città e il mondo di fuori, il Delta del blues o il jazz di New Orleans. Ma anche quella popolare, con canzoni che hanno aggiunto ...segue

Lanciano dollari falsi da palazzo
36 morti in una calca a Shanghai

01.01.15 Tragedia di Capodanno a Shanghai, in Cina, dove almeno 36 persone, in maggioranza giovani intorno ai 20 anni, sono morte in una ressa durante il conto alla rovescia per l'arrivo del 2015. Secondo le prime ricostruzioni dei media cinesi, a provocare il massacro sarebbe stato il lancio ...segue

 

  

 


Fondazione di Rita Levi-Montalcini
Combattere la povertà attraverso l'istruzione

11.12.14 L'Africa è ancora un continente le cui popolazioni sono fortemente colpite da povertà ed estrema indigenza. Le cause delle condizioni drammatiche in cui vive la maggior parte delle persone nei paesi africani sono molte: i debiti accumulati dai governi dei diversi paesi, sottosviluppo dell'economia, guerre, siccità. Tuttavia quando si parla delle difficoltà a livello sociale ed economico di tali paesi non si può non citare l'analfabetismo e la scarsa scolarizzazione delle popolazioni. In Africa infatti, in media, il 70% della ...segue

 

Inclini al tradimento? Colpa del dna
Un nuovo alibi ai partner fedifraghi

28.11.14 "Scusa cara ti ho tradito. Ma non è colpa mia. È tutta colpa del Dna!". I fedifraghi di tutto il mondo potrebbero utilizzare questa scusa per giustificare le proprie scappatelle. Secondo uno studio condotto da un gruppo di ricercatori australiani dell'università del Queensland, diretti da Brendan Zietsch, infatti, il 63% dei comportamenti fedifraghi negli uomini e il 40% nelle donne potrebbero essere legati a un'interferenza genetica. Il Dna, insomma, ci mette lo zampino e spinge al tradimento. In particolare, l'équipe ha ...segue

 


MT4: semplice, funzionale e popolare
Strumento immancabile di ogni trader

18.11.14 Il MetaTrader 4, in gergo chiamato MT4, rappresenta una delle piattaforme maggiormente diffuse a livello planetario. Venne introdotta all’interno del trading online nel 2005, oggi risulta essere un strumento assai valido e performante. Ma non solo. L’MT4 viene utilizzato all’interno della sfera del mercato Forex: è una fra le piattaforme più affidabili, grazie agli elevati standard di sicurezza che mostra. Semplicità, versatilità e facilità ...segue