Stipendi italiani: la metà dei tedeschi
Anche in Grecia e Cipro sono più alti

27.02.12 In Italia la disoccupazione, soprattutto quella giovanile è un problema grave. Ma anche chi un posto di lavoro ce l'ha e pure a tempo indeterminato non se la passa troppo bene. E non solo per il peso del carico fiscale e contributivo. In Italia infatti gli stipendi medi sono tra i più bassi dell'Eurozona. Addirittura inferiori a quelli della Grecia. E in assoluto superiori solo a Malta, Slovacchia, Slovenia e Portogallo, Paesi non certo comparabili al nostro per dimensioni e sviluppo industriale.

La classifica che emerge dai dati Eurostat, pubblicati nel recente rapporto «Labour market statistics», prende come riferimento le aziende con almeno 10 persone ed ha dati riferiti al 2009. Dalle statistiche emerge che in media un lavoratore italiano ha guadagnato nell'anno di riferimento 23.406 euro lordi: circa la metà che in Lussemburgo (48.914), Olanda (44.412) o Germania (41.100). Seguono Irlanda (39.858), Finlandia (39.197) Francia (33.574) e Austria (33.384) . Ma più sorprendente risulta il livello più elevato di due Paesi in grave difficoltà economica come la Grecia (29.160) e la Spagna (26.316) a cui fa seguito Cipro (24.775).

Eurostat riporta l'elenco delle paghe lorde medie annue dei Paesi dell'Unione europea anche per gli anni precedenti all'ultimo aggiornamento (2009), così da poter anche osservare la crescita delle retribuzioni. L'avanzamento per l'Italia risulta tra i più ridotti: in quattro anni (dal 2005) il rialzo è stato del 3,3%, molto distante dal +29,4% della Spagna, dal +22% del Portogallo. E anche i Paesi che partivano da livelli già alti hanno messo a segno rialzi rilevanti: Lussemburgo (+16,1%), Olanda (+14,7%), Belgio (+11,0%) e Francia (+10,0%) e Germania (+6,2%).

Una buona notizia per l'Italia, invece, arriva dalle differenze di retribuzioni tra uomini e donne, quello che Eurostat chiama «unadjusted gender pay gap», l'indice utilizzato in Europa per rilevare le disuguaglianze tra le remunerazioni (definito come la differenza relativa, espressa in percentuale, tra la media del salario grezzo orario di lavoratori e lavoratrici). Ma è solo un'illusione. La Penisola, infatti, con un gap che supera di poco il 5% (con riferimento al 2009) si colloca ampiamente sotto la media europea, pari al 17%, risultando il paese con la forbice più stretta alle spalle della sola Slovenia; ma, appunto, non è tutto oro quel che luccica. Perchè a ridurre le differenze di stipendio in Italia contribuiscono fenomeni di cui non si può andare fieri, come il basso tasso di occupazione femminile e lo scarso ricorso (a confronto con il resto d'Europa) al part time. Non a caso tra i Paesi che vantano una minor divario ci sono anche Polonia, Romania, Portogallo, Bulgaria, Malta, ovvero tutti Stati con una bassa partecipazione delle donne al mercato del lavoro. (Corriere.it)

Inclini al tradimento? Colpa del dna
Un nuovo alibi ai partner fedifraghi

28.11.14 "Scusa cara ti ho tradito. Ma non è colpa mia. È tutta colpa del Dna!". I fedifraghi di tutto il mondo potrebbero utilizzare questa scusa per giustificare le proprie scappatelle. Secondo uno studio condotto da un gruppo di ricercatori australiani dell'università del Queensland, diretti da Brendan Zietsch, infatti, il 63% dei comportamenti fedifraghi negli uomini e il 40% nelle donne potrebbero essere legati a ...segue

 

MT4: semplice, funzionale e popolare
Strumento immancabile di ogni trader

18.11.14 Il MetaTrader 4, in gergo chiamato MT4, rappresenta una delle piattaforme maggiormente diffuse a livello planetario. Venne introdotta all’interno del trading online nel 2005, oggi risulta essere un strumento assai valido e performante. Ma non solo. L’MT4 viene utilizzato all’interno della sfera del mercato Forex: è una fra le piattaforme ...segue

Dichiarata morta a 91 anni si sveglia
Dopo 11 ore in obitorio chiede un té caldo

15.11.14 Gli addetti all’obitorio di una cittadina della Polonia orientale sono rimasti di stucco quando Janina Kolkiewicz, una 91enne dichiarata morta 11 ore prima, si è risvegliata dal sonno «eterno». Janina era già stata riposta in una «body bag», in una sala frigorifero dell’obitorio. «Ero sicura che fosse morta - ha dichiarato la dottoressa Wieslawa Czyz - non riesco a capire cosa sia successo. Il suo cuore non batteva più e ...segue

 

Il nonno più giovane d’Italia ha 32 anni
Salvatore Pizzo, di Belmonte Mezzagno

14.11.14 È di Belmonte Mezzagno, cittadina del Palermitano, il nonno più giovane d’Italia. Si chiama Salvatore Pizzo e pochi giorni fa, come riporta il Giornale di Sicilia, a 32 anni, ha stretto tra le braccia Sharon, figlia della sua Giorgia, mamma a soli 15 anni. Pizzo, operaio in una ditta che lavora per Trenitalia, ha battuto ogni record, superando un sanremese diventato nonno a 33 anni. Il padre di Sharon ha qualche anno in più ...segue

 

Veronica Maya a seno nudo
Incidente al Tale e quale show

08.11.14 Una finale ricca di colpi di scena... Ma soprattutto di fuori programma! Un vero e proprio incidente hot è quello che è capitato alla conduttrice Veronica Maya mentre si esibiva nell'imitazione di Madonna durante la puntata del 7 novembre di Tale e Quale Show, in diretta su Rai Uno. ...segue

Europa League: il Napoli a Berna
Per ipotecare la qualificazione europea

22.10.14 Continua l’avventura europea del Napoli, inserito nel girone I, che decreterà la griglia delle squadre che parteciperanno alla fase finale di Europa League. Quattro le italiane ancora in gioco: Fiorentina, Inter, Torino e i partenopei, che questa settima dovranno vedersele contro lo ...segue

 

  

 

 


Servizio wi-fi gratuito per tutti
Negozi obbligati ad avere il servizio

30.10.14 "L'HAI pagata la tassa wi-fi?", si domanderanno a breve i negozianti. Per salvare l'Italia dal digital divide va bene tutto ma obbligare gli esercenti, uffici e mezzi pubblici, taxi, tribunali, aeroporti, ospedali, porti e scuole ad attivare reti wireless gratuite forse è un po' troppo, anche se per le attrezzature è previsto un sostengo economico. Chi pagherà infatti gli abbonamenti ai servizi? La proposta di legge "Disposizioni per la diffusione dell'acceso alla rete Internet mediante connessione senza fili" (A.C. 2528 - ...segue

 

Il cancro nel 2014, i dati Aiom
Si vive più a lungo e si muore di meno

25.10.14 Il tumore cambia ruolo. Non più malattia incurabile ma "ex male incurabile". Grazie agli screening, alla diagnosi precoce e ai nuovi farmaci che offrono prospettive di sopravvivenza e, a volte, di guarigione a dir poco sorprendenti che hanno permesso una riduzione della mortalità del 38% in poco meno di vent'anni. I dati del censimento ufficiale sui tumori in Italia, alla sua IV edizione, raccolti nel volume "I numeri del cancro in Italia 2014", presentati stamattina a Roma nel corso dei lavori del XVI congresso nazionale Aiom, ...segue

 


Il sesso in gravidanza?
Ecco perchè fa bene

17.10.14 Spesso quando una coppia aspetta un bambino l’attività sessuale si riduce o scompare completamente fino alla nascita del bambino. Nella maggior parte dei casi i contatti tra uomo e donna durante la gravidanza si riducono a semplici “coccole” che non si tramutano in un atto sessuale completo. Questo accade poichè molte coppie pensano che il sesso possa fare male al bambino che si aspetta. Le donne in molti casi sono concentrate sulla gravidanza e questo può portare ad una diminuzione del desiderio, gli uomini, invece, possono aver ...segue