Stipendi italiani: la metà dei tedeschi
Anche in Grecia e Cipro sono più alti

27.02.12 In Italia la disoccupazione, soprattutto quella giovanile è un problema grave. Ma anche chi un posto di lavoro ce l'ha e pure a tempo indeterminato non se la passa troppo bene. E non solo per il peso del carico fiscale e contributivo. In Italia infatti gli stipendi medi sono tra i più bassi dell'Eurozona. Addirittura inferiori a quelli della Grecia. E in assoluto superiori solo a Malta, Slovacchia, Slovenia e Portogallo, Paesi non certo comparabili al nostro per dimensioni e sviluppo industriale.

La classifica che emerge dai dati Eurostat, pubblicati nel recente rapporto «Labour market statistics», prende come riferimento le aziende con almeno 10 persone ed ha dati riferiti al 2009. Dalle statistiche emerge che in media un lavoratore italiano ha guadagnato nell'anno di riferimento 23.406 euro lordi: circa la metà che in Lussemburgo (48.914), Olanda (44.412) o Germania (41.100). Seguono Irlanda (39.858), Finlandia (39.197) Francia (33.574) e Austria (33.384) . Ma più sorprendente risulta il livello più elevato di due Paesi in grave difficoltà economica come la Grecia (29.160) e la Spagna (26.316) a cui fa seguito Cipro (24.775).

Eurostat riporta l'elenco delle paghe lorde medie annue dei Paesi dell'Unione europea anche per gli anni precedenti all'ultimo aggiornamento (2009), così da poter anche osservare la crescita delle retribuzioni. L'avanzamento per l'Italia risulta tra i più ridotti: in quattro anni (dal 2005) il rialzo è stato del 3,3%, molto distante dal +29,4% della Spagna, dal +22% del Portogallo. E anche i Paesi che partivano da livelli già alti hanno messo a segno rialzi rilevanti: Lussemburgo (+16,1%), Olanda (+14,7%), Belgio (+11,0%) e Francia (+10,0%) e Germania (+6,2%).

Una buona notizia per l'Italia, invece, arriva dalle differenze di retribuzioni tra uomini e donne, quello che Eurostat chiama «unadjusted gender pay gap», l'indice utilizzato in Europa per rilevare le disuguaglianze tra le remunerazioni (definito come la differenza relativa, espressa in percentuale, tra la media del salario grezzo orario di lavoratori e lavoratrici). Ma è solo un'illusione. La Penisola, infatti, con un gap che supera di poco il 5% (con riferimento al 2009) si colloca ampiamente sotto la media europea, pari al 17%, risultando il paese con la forbice più stretta alle spalle della sola Slovenia; ma, appunto, non è tutto oro quel che luccica. Perchè a ridurre le differenze di stipendio in Italia contribuiscono fenomeni di cui non si può andare fieri, come il basso tasso di occupazione femminile e lo scarso ricorso (a confronto con il resto d'Europa) al part time. Non a caso tra i Paesi che vantano una minor divario ci sono anche Polonia, Romania, Portogallo, Bulgaria, Malta, ovvero tutti Stati con una bassa partecipazione delle donne al mercato del lavoro. (Corriere.it)


 
 

Facebook prova a diventare una banca
Gli utenti potranno scambiarsi denaro

14.04.14 Ci avevano già provato qualche anno fa, quelli di Facebook, a iniettare una moneta virtuale nella piattaforma. E a farla girare il più possibile. Era l’epoca di Facebook Credits, gettoni digitali con cui acquistare beni e servizi all’interno del sito, in particolare nell’ambito dei giochi. L’esperimento è fallito ed è stato archiviato nel 2012: quei crediti non hanno mai fatto breccia nel cuore degli utenti. Stavolta però ...segue

 

Sky va oltre la parabola
La tv è via cavo con Telecom

11.04.14 Sky supera la parabola. La pay tv di Rupert Murdoch ha siglato un intesa con Telecom Italia per distribuire i contenuti attraverso la rete in fibra ottica dell'ex monopolista: non sarà più quindi necessario installare la parabola su tetti e balconi, mentre la società realizzerà un decoder My Sky HD apposito. La novità arriverà sul mercato all'inizio dell'anno prossimo. Di certo si tratta di un accordo nell'interesse di ...segue

"Vorrei parlare con il Papa":
Moribonda, aveva un ultimo desiderio

10.04.14 Sta per morire, ha un ultimo desiderio: "Vorrei parlare col Papa", e Francesco la chiama „ Gabriella Busnardo, 68 anni, sta combattendo una battaglia difficilissima. Mai si è dato per vinta, in questi tre anni di lotta contro una grave malattia Le sue condizioni sono però sempre più gravi. Gabriella ha espresso un ultimo desiderio, quando ha sentito che la fine era ormai vicina: parlare con Papa Francesco. Un giorno ...segue

 

Vietato fare sesso o sbirciare
Avviso in uno stabilimento balneare

07.04.14 Vietato fare sesso nei bagni e niente ‘sbirciate’ nelle toilette riservate alle donne. E’ questo parte del mini-codice regolamentare stabilito a Gallipoli dallo stabilimento balneare “Samsara”. Il codice è stato affisso sulla porta dei bagni e i divieti sono indicati in maniera figurata, con omini neri raffigurati nelle posizioni da bandire. Divieti nati dopo le polemiche dello scorso anno quando a Gallipoli si parlò di ...segue

 

Arrestato parroco per sesso con minori
A febbraio era finito in un canale con il Suv

05.04.14 Un parroco è stato arrestato per atti sessuali con minori nel Ravennate. Si tratta di don Giovanni Desio: è lo stesso religioso che a febbraio finì col suo Suv in un canale, con un tasso alcolemico quasi quattro volte oltre il limite. L'uomo, 52 anni, si trova in carcere. Quella ...segue

Le donne trentenni sono le più audaci
Risultano le più sicure fra le lenzuola

03.04.14 La sessualità è una sfera personale che accompagna per tutta la vita, con caratteristiche specifiche per ogni età, pronta a cambiare in base ad esperienze e sicurezza personale, oltre che al partner. Tra alti e bassi qual è l’età in cui le donne sono più sicure tra le lenzuola , ...segue

 

  

 


Nasconde un Rolex nella vagina
Donna mentre praticava un massaggio

02.04.14 Una massaggiatrice ha rubato il Rolex da 35mila dollari del cliente nascondendo l'orologio nella vagina. Christina Lafave, 25 anni avrebbe commesso il furto mentre stava facendo un massaggio da 300 dollari al 66enne Kenneth Herold nell'Hotel Wynn a Las Vegas. I due si erano incontrati nel bar dell'albergo nelle prime ore del mattino ed erano poi finiti nella stanza dell'uomo «Mi sono spogliato, lei ha iniziato a praticarmi un massaggio, e dopo 30 minuti mi ha chiesto di togliermi l'orologio per poter lavorare sulle braccia - ha ...segue

 

15enne in gita cade dalla nave e muore
Era in gita scolastica a Barcellona

01.04.14 Uno studente quindicenne del liceo scientifico «Ettore Majorana», di San Giovanni la Punta (Catania), Gabriele Russo è morto domenica sera a Barcellona in Spagna cadendo da una nave. Il ragazzo si era imbarcato a Civitavecchia con altri giovani provenienti da tutta Italia per uno stage letterario, «Amare leggere», organizzato dalla Grimaldi Lines. «Si è tratta di una tragica bravata», ha spiegato Carmela Maccarrone, la preside del liceo scientifico Ettore Majorana di San Giovanni La Punta all’Adnkronos.

La tragedia ...segue

 


Fumo, il vizio di poveri e ignoranti
Fumare non è più uno status symbol

31.03.14 Fumo, altro che status symbol. Ormai le sigarette sono un vizio da poveri, emarginati, ignoranti. E’ quanto risulta da una dettagliata indagine del New York Times condotta contea per contea negli Stati Uniti. Un vero e proprio ritratto dell’evoluzione del fumo dall’inizio del Novecento ai giorni nostri. La sintesi è chiara: da status-symbol di ricchi e famosi, il fumo è diventato un vizio delle persone meno abbienti e colte. Il crollo dell’appeal della sigaretta ha avuto un picco negli ultimi 15 anni: la dipendenza da nicotina è ...segue