No alla mobilità della Coca Cola
La Ugl Agroalimentare Campania

22.02.12 Marcianise - La Ugl Agroalimentare Campania ha confermato il suo no alla procedura di mobilità aperta dalla Coca Cola Hbc Italia presso lo stabilimento di Marcianise in provincia di Caserta e lo ha fatto nel corso dell’esame congiunto che si è svolto questa mattina presso la Giunta Regionale della Campania. Una scelta che il sindacato guidato da Giovanni Centrella ha ampiamente argomentato nel verbale finale dove ha ritenuto giustificati gli esuberi per i componenti degli uffici che saranno trasferiti all’estero, ma non sufficienti gli elementi di valutazione per le altre posizioni lavorative per le quali richiedeva il solo criterio della volontarietà. “Ognuno si assuma le proprie responsabilità” ha commentato il Segretario Regionale Ferdinando Palumbo “poche variazioni al testo definitivo ed un po’ di buona volontà avrebbero potuto cambiare l’esito finale, ma il testo è stato blindato e noi non siamo notai. Il mancato accordo non rappresenta nulla di eclatante, siamo sindacalisti, ci occupiamo di difendere posti di lavoro e se non siamo convinti di ciò che firmiamo preferiamo lasciar perdere”. “E’ stata una procedura tutta in salita, giocata su più tavoli dove nessuno si è preoccupato di mediare tra le posizioni che venivano rappresentate” ha continuato il collega Ciro De Vita “un atteggiamento inconsueto per una multinazionale famosa in tutto il mondo. Non ce la siamo sentiti di spegnere il sorriso a trentacinque famiglie”.

Whirlpool, piano Carinaro non piace
I lavoratori occupano l'asse mediano

25.06.15 Teverola - Non è piaciuto ai lavoratori riuniti in assemblea l'accordo annunciato a Roma sul futuro della Whirpool. Alcuni dipendenti ieri hanno infatti bloccato per circa mezz'ora l'asse mediano. «Whirlpool oggi ha presentato in maggiore dettaglio le novità sul piano industriale, con cui eviterebbe la chiusura di Carinaro e rafforzerebbe il sito di Napoli, oltre naturalmente a confermare la possibilità di trasferire in ...segue

 

Le opportunità di lavoro
per chi vuole lavorare da casa

23.06.15 Chiunque abbia fatto nella propria vita il pendolare, anche solo per un breve periodo, o si sia ritrovato a muoversi ogni giorno nelle nostre città intasate dal traffico, sogna di lavorare da casa. In effetti, i vantaggi sono moltissimi. Si risparmiano tempo e denaro (che finirebbe altrimenti speso in benzina e mezzi pubblici) per non parlare poi del risparmio di stress! Niente code in tangenziale, niente treni in ...segue

Carinaro non chiude, c'è nuovo piano
Lo stabilimento produrrà componentistica

23.06.15 Teverola - Carinaro non chiude e con gli altri stabilimenti Whirlpool in Italia assume una nuova missione; gli esuberi sono contenuti e non "strutturali", per dirla con i sindacati. Sono questi i punti principali del nuovo piano industriale presentato stamane dai vertici di Whirlpool nel corso dell'incontro con i sindacati al ministero dello Sviluppo economico. Il piano - riferiscono fonti sindacali - prevede l'impiego dei ...segue

 

Camilla Sgambato ha portato
in Aula la questione Whirlpool

"Il Governo vigilerà sul nuovo piano"

19.06.15 Caserta - “È delle ultime ore la notizia che la multinazionale americana presenterà, entro pochi giorni, un nuovo piano industriale, che prevede missioni industriali per tutti i siti, incluso quello di Caserta, e che la produzione della fabbrica di Carinaro sarà a marchio Whirlpool. Accogliamo con grande entusiasmo questa notizia ma chiediamo al contempo che il Governo vigili affinché dall’impegno verbale si passi ad una ...segue

 

La Whirlpool ritira la chiusura
della fabbrica Indesit di Caserta

Il 23 giugno il nuovo piano industriale

18.06.15 Caserta - Un mese dopo l’annuncio di un aumento degli esuberi, Whirlpool fa marcia indietro. La multinazionale statunitense, secondo quanto riferito da fonti sindacali dopo un incontro al ministero dello Sviluppo economico, non chiuderà lo stabilimento di Carinaro (Caserta) e presenterà ...segue

Ga.Fi. Sud e Banca Popolare di Milano
Accordo per sostenere le aziende campane

16.06.15 Caserta - La Ga.Fi. Sud, Confidi iscritto nell’elenco degli Intermediari Finanziari Vigilati da Banca d’Italia, ha siglato un importante accordo di partnership con Banca Popolare di Milano per supportare l’imprenditoria campana. L’intesa permette alle aziende del territorio ...segue

 

  

 


Caserta in piazza per la Whirlpool
Manifestazione indetta contro gli esuberi

22.05.15 Caserta - È partito intorno alle 9.45 di questa mattina, da piazza Garibaldi (lo spiazzo che si apre davanti alla stazione ferroviaria di Caserta) il corteo previsto per la grande manifestazione nazionale indetta dai sindacati per richiamare l’attenzione sul caso Terra di Lavoro. La protesta avviene in concomitanza con le 8 ore di sciopero dell’industria indette per l’inasprimento della vertenza sugli esuberi alla Whirlpool mentre oggi si celebra anche la Giornata nazionale dell’Economia: in Camera di commercio, negli stessi ...segue

 

Sciopero generale il 22 maggio
Comparti industriali di Caserta

19.05.15 Caserta - “Considerando gli ultimi avvenimenti che hanno contraddistinto il territorio di Caserta per le strategie industriali incapaci di offrire una prospettiva di sviluppo, la Ugl ha proclamato otto ore di sciopero generale da effettuarsi per tutti i comparti industriali di Caserta e provincia per il giorno 22 maggio 2015” E’ questa la decisione che il Segretario Provinciale del sindacato di Via Vivaldi Sergio D’Angelo ha comunicato questa mattina ai quadri sindacali territoriali ed alla stampa. Al suo fianco i Componenti del ...segue

 


Laurea Sun, record di occupati
Il 47% di chi finisce gli studi trova lavoro

07.05.15 Caserta - Chi si laurea alla Sun trova più facilmente un lavoro stabile rispetto ai laureati di tutta Italia. Da un’indagine di Almalaurea, infatti, ben 47 laureati del Secondo Ateneo su cento di primo livello ottengono dopo solo un anno dalla laurea un lavoro stabile, contratti a tempo indeterminato e lavoro autonomo (lavoratori in proprio, imprenditori, ecc.). Un valore di gran lunga superiore alla media nazionale del 33%: di questi il 28% ha un contratto a tempo indeterminato contro il 21% del livello nazionale. La media resta ...segue