Smantellata una banda di "tombaroli"
Agivano nelle zone di Caserta e Benevento

21.01.11 Casal di Principe - È di cinque arresti, sette misure cautelari personali (divieto di dimora o obbligo di firma) e 51 indagati il bilancio dell'operazione dei carabinieri Patrimonio culturale che ha portato a smantellare una banda di tombaroli di Casal di Principe attiva nell'area dell'alta Campania (Caserta e Benevento) ma anche fra Roma e Viterbo. E forse collusa con la criminalità organizzata, visto che alcuni degli indagati sono stati già coinvolti in altre indagini per associazione camorristica e favoreggiamento della latitanza di esponenti del clan dei casalesi.

L'inchiesta, coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, ha recupero di 633 reperti archeologici, per un valore di circa un milione di euro ed è partita nel 2009 in seguito alla scoperta di trafugamenti a Riardo, Teano, Calvi Risorta, Sant'Agata dei Goti e Montesarchio.

Decisivo è stato però il ritrovamento di un cappello, perso da un tombarolo in uno scavo clandestino nel Sannio. Dopo aver trovato il proprietario, i carabinieri sono riusciti a risalire ai suoi complici e a ricostruire tutto l'organigramma della struttura criminale: gli «scavatori», i fiancheggiatori (tra cui diversi incensurati), cui spettava occultare i reperti in attesa della vendita, gli artigiani (soprattutto pugliesi) addetti alla produzione di reperti falsi, da rivendere mescolati a quelli autentici, fino ai procacciatori e ai ricettatori, capaci di piazzare i pezzi più importanti anche all'estero.

I tombaroli, divisi generalmente in squadre da tre o quattro unità, si davano appuntamento in un bar di Casal di Principe, dove pianificavano gli obiettivi da «visitare» all'imbrunire, attrezzati di tutto punto: pale, picconi, lampade collegate a batterie d'auto e spilloni per controllare l'eventuale presenza di oggetti o cavità nel terreno, tali da indicare la presenza di reperti o tombe. Il giorno dopo, le aree trafugate si presentavano agli occhi degli investigatori e dei funzionari della Soprintendenza come un campo di battaglia. Una vera e propria groviera, con le buche scavate e parzialmente ricoperte, a volte lasciate perfino del tutto aperte, con tutti i rischi connessi per i proprietari dei terreni e gli animali da pascolo, senza contrare i danni provocati alle coltivazioni.

Fra il materiale recuperato nel corso delle perquisizioni, crateri a calice e a volute, skyphos, kylix, gorgoni, satiri e protomi femminili. E ancora, 1.050 frammenti, 31 reperti falsi, 73 monete antiche, cinque metal detector e 18 spilloni. Circa un milione di euro il valore complessivo. Le consulenze tecniche sui beni sequestrati hanno evidenziato la grande rilevanza archeologica di molti dei reperti recuperati, sia per le qualità artistiche che per le unicità delle decorazioni e la raffinatezza dei materiali impiegati. Tra queste, una oinochoe a figure nere del VII secolo a.C. e una a figure rosse del IV secolo a.C., con una particolare rappresentazione di un demone alato, attribuito al pittore di Napoli, e due crateri a campana a figure rosse, riconducibili, rispettivamente, al pittore di Dinos (420-450 a. C.) e al pittore di Caivano (340-330 a. C.) (ilGiornale.it)

Sequestro di beni per 8 milioni
All'imprenditore Giovanni Malinconico

18.11.14 Caserta - I Carabinieri del Reparto Operativo di Caserta, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di beni mobili ed immobili, per un valore complessivo di circa 8 milioni di euro, emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della Procura Distrettuale di Napoli, nei confronti dell’imprenditore Malinconico Giovanni cl. 1952, di Ailano. Il provvedimento in parola, scaturisce da ...segue

 

Scoperto "parcheggio a luci rosse"
Un fondo agricolo per le prostitute

18.11.14 Villa Literno - I Carabinieri della Stazione di Villa Literno, hanno proceduto all’arresto, per “favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione” di Da. V. cl.1949 di Trentola Ducenta. Nella circostanza i militari dell’Arma al termine di una breve attività di indagine, condotta con l’esecuzione di specifici servizi di osservazione, a cui seguivano escussioni di diversi clienti e donne di nazionalità straniera dedite ...segue

Caserta, 27enne muore in ospedale
Era il figlio di un ministro del Burundi

17.11.14 Caserta - Un corsia d'ospedale "E' successo qualcosa. Qualcosa non ha funzionato e il mio ragazzo è morto. Voglio la verità". Regis Roger, 27 anni, viene portato sabato all'ospedale di Caserta. Lamenta forti e diffusi dolori addoninali. Muore dopo il ricovero. Sua amdre denuncia il caso alla polizia. La procura apre un'inchiesta. Sarà l'autopsia disposta dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ...segue

 

Si sparano al culmine di una lite
Arrestati due pregiudicati a Teverola

17.11.14 Teverola - I Carabinieri della Stazione di Teverola, unitamente a quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile del Reparto Territoriale di Aversa, a seguito di immediate indagini, hanno arrestato i pregiudicati di Casaluce (CE) Tatone Salvatore, cl.1972 e Veneziano Giuseppe, cl.1964. I due sono ritenuti responsabili, in concorso, di tentato omicidio, commesso nella mattina di ieri in Casaluce, ai danni di un 35enne del luogo, ...segue

 

Minaccia i carabinieri con un coltello
Era ai domiciliari, è stato arrestato

16.11.14 Casagiove - Si erano recati presso la sua abitazione per un controllo di routine, ma sono stati aggrediti e minacciati con un coltello. Per questo motivo, Tenga Gabriele cl. 72, del luogo, sottoposto alla Sorveglianza speciale di P.S., è stato arrestato dai Carabinieri della locale ...segue

Frignano, abbandonò figlio piccolo
Mamma adesso ci ripensa e lo rivuole

15.11.14 Frignano - Si è rifatta viva, dopo cinque giorni, la madre del neonato abbandonato nel cortile della Chiesa di Santa Maria dell'Arco a Frignano (Caserta). Si tratta di una ragazza romena di 30 anni, residente in zona, che ora chiede di riavere il figlio. La decisione sarà presa dal ...segue

 

  

 

 


Nas sequestra 20 tonnellate di olive
In un'industria di lavorazione e frantoio

15.11.14 Il Santa Maria Capua Vetere - Nas sequestra 20 tonnellate di olive da tavola nel casertano. L'operazione, condotta in collaborazione con la Asl di Santa Maria Capua Vetere, è scattata durante un controllo in un'industria di lavorazione delle olive con annesso frantoio, durante il quale è emerso che le olive venivano essiccate con un forno industriale arbitrariamente installato nel locale e che non possedeva i necessari requisiti tecnici e igienici. In particolare i Carabinieri hanno sequestrato 14 tonnellate di olive già ...segue

 

Due giovani rapinano una donna
Cadono dal motociclo mentre scappano

14.11.14 Trentola Ducenta - Ieri sera, verso le ore 18:00 circa, in Trentola Ducenta via Quattro Novembre, due persone con volto coperto da passamontagna, una delle quali armata di pistola, rapinavano una donna sottraendole la borsa, per poi fuggire a bordo di un motociclo. I due giunti in via circonvallazione, collidevano con una autovettura in transito. A seguito dell’impatto, uno dei due rapinatori, riportava lesioni tanto da rendere necessario il suo ricovero, in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita. Il secondo rapinatore ...segue

 


Giuseppe Setola ha cambiato idea
"Non collaboro più con la giustizia"

13.11.14 Santa Maria Capua Vetere - Nuovo colpo di scena nel tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) dove il killer dei Casalesi, Giuseppe Setola, ha dichiarato di non voler più collaborare con la giustizia. Il boss ha rilasciato le dichiarazioni spontanee durante un'udienza del processo per il duplice omicidio Pecchia-Orabona. Setola ha revocato il mandato all'avvocato Rachele Merola, iscritta nel registro della DDA per i difensori dei pentiti, e ha nominato l'avvocato Alessandro Diana, il quale ha accettato provvisoriamente ...segue