Smantellata una banda di "tombaroli"
Agivano nelle zone di Caserta e Benevento

21.01.11 Casal di Principe - È di cinque arresti, sette misure cautelari personali (divieto di dimora o obbligo di firma) e 51 indagati il bilancio dell'operazione dei carabinieri Patrimonio culturale che ha portato a smantellare una banda di tombaroli di Casal di Principe attiva nell'area dell'alta Campania (Caserta e Benevento) ma anche fra Roma e Viterbo. E forse collusa con la criminalità organizzata, visto che alcuni degli indagati sono stati già coinvolti in altre indagini per associazione camorristica e favoreggiamento della latitanza di esponenti del clan dei casalesi.

L'inchiesta, coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, ha recupero di 633 reperti archeologici, per un valore di circa un milione di euro ed è partita nel 2009 in seguito alla scoperta di trafugamenti a Riardo, Teano, Calvi Risorta, Sant'Agata dei Goti e Montesarchio.

Decisivo è stato però il ritrovamento di un cappello, perso da un tombarolo in uno scavo clandestino nel Sannio. Dopo aver trovato il proprietario, i carabinieri sono riusciti a risalire ai suoi complici e a ricostruire tutto l'organigramma della struttura criminale: gli «scavatori», i fiancheggiatori (tra cui diversi incensurati), cui spettava occultare i reperti in attesa della vendita, gli artigiani (soprattutto pugliesi) addetti alla produzione di reperti falsi, da rivendere mescolati a quelli autentici, fino ai procacciatori e ai ricettatori, capaci di piazzare i pezzi più importanti anche all'estero.

I tombaroli, divisi generalmente in squadre da tre o quattro unità, si davano appuntamento in un bar di Casal di Principe, dove pianificavano gli obiettivi da «visitare» all'imbrunire, attrezzati di tutto punto: pale, picconi, lampade collegate a batterie d'auto e spilloni per controllare l'eventuale presenza di oggetti o cavità nel terreno, tali da indicare la presenza di reperti o tombe. Il giorno dopo, le aree trafugate si presentavano agli occhi degli investigatori e dei funzionari della Soprintendenza come un campo di battaglia. Una vera e propria groviera, con le buche scavate e parzialmente ricoperte, a volte lasciate perfino del tutto aperte, con tutti i rischi connessi per i proprietari dei terreni e gli animali da pascolo, senza contrare i danni provocati alle coltivazioni.

Fra il materiale recuperato nel corso delle perquisizioni, crateri a calice e a volute, skyphos, kylix, gorgoni, satiri e protomi femminili. E ancora, 1.050 frammenti, 31 reperti falsi, 73 monete antiche, cinque metal detector e 18 spilloni. Circa un milione di euro il valore complessivo. Le consulenze tecniche sui beni sequestrati hanno evidenziato la grande rilevanza archeologica di molti dei reperti recuperati, sia per le qualità artistiche che per le unicità delle decorazioni e la raffinatezza dei materiali impiegati. Tra queste, una oinochoe a figure nere del VII secolo a.C. e una a figure rosse del IV secolo a.C., con una particolare rappresentazione di un demone alato, attribuito al pittore di Napoli, e due crateri a campana a figure rosse, riconducibili, rispettivamente, al pittore di Dinos (420-450 a. C.) e al pittore di Caivano (340-330 a. C.) (ilGiornale.it)

Rinvenuta piantagione di marijuana
Arrestate due persone a Villa Literno

27.09.14 Villa Literno - I Carabinieri della Stazione di Villa Literno (CE), e della Compagnia di Casal di Principe (CE), hanno proceduto all’arresto di Zaccariello Antonio, cl.1979 e Orabona Massimo, cl.1976, entrambi di Villa Literno. Nella circostanza i militari dell’Arma hanno sorpreso e bloccato i due mentre erano intenti a raccogliere piante di marijuana, coltivate su un terreno di proprietà dello Zaccariello e caricarle su ...segue

 

Denudata e picchiata a calci e pugni
Arrestato il suo ex fidanzato violento

25.09.14 Maddaloni - Nel corso delle prime ore del mattino i carabinieri del Comando Stazione di Maddaloni, hanno tratto in arresto per sequestro di persona, lesioni e atti persecutori MANDATO Giuseppe, cl. 66 del posto. L’uomo, secondo quanto ricostruito dai militari dell’arma e pienamente condiviso dall’A.G. sammaritana, a partire dall’anno 2009, si è reso responsabile di numerosi episodi di violenza in danno della 36enne ex ...segue

17 milioni di euro falsi nel furgone
Incensurato arrestato dalla finanza

24.09.14 Marcianise - I finanzieri della compagnia di Marcianise (Caserta) hanno sequestrato oltre 17 milioni di euro falsi in banconote da 50 risultate di ottima fattura e pronte per essere immesse sul mercato: i soldi erano stipati su un furgone, nascosti sotto un carico di materiali di cancelleria. In carcere, a Santa Maria Capua Vetere, è finito un incensurato. Le accuse per lui sono di "falsificazione di moneta, spendita e ...segue

 

Arrestata la moglie di un boss
Affiliato di spicco al clan dei casalesi

23.09.14 Casal di Principe - In Trentola Ducenta i Carabinieri dell’aliquota operativa della Compagnia di Casal di Principe, unitamente a quelli del Reparto Territoriale di Aversa, hanno proceduto all’arresto, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, di Di Sarno Rotonda, cl.1969 di Trentola Ducenta, moglie ...segue

 

Aereo si schianta nel Livornese
Muore un allievo pilota di Maddaloni

23.09.14 Livorno - La manovra si chiamava «touch and go», atterraggio e decollo. L’aveva compiuta altre volte in passato nei suoi voli di esercitazione. Ieri pomeriggio qualche cosa è andata storta e l’ultraleggero su cui volava accanto al suo istruttore, un romano, si è schiantato violentemente ...segue

Fermato stalker davanti ai carabinieri
Molestava la sua ex da circa otto mesi

22.09.14 Caserta - In Caserta, in via capitano Laviano, i Carabinieri della locale stazione hanno arrestato I. G. cl. 1976, del luogo, poiché responsabile di “atti persecutori” nei confronti della sua ex fidanzata. Nella circostanza, la vittima ha riferito che il suo stalker non tollerando la ...segue

 

  

 

 


Incastrato dai video di sorveglianza
Arrestato rapinatore dopo lunga indagine

20.09.14 Aversa - Nell’ambito di un’indagine coordinata dai magistrati della Procura della Repubblica di Napoli Nord, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Casal di Principe hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di un 31enne di Casapesenna (CE), per il reato di rapina, porto illegale di arma da fuoco e lesioni personali aggravate. L’indagine ha consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti del ...segue

 

Irpef evasa, contributi non versati
Sequestro di 118 milioni di euro al Cub

18.09.14 Caserta - Nuovi risvolti nell’ambito di un’inchiesta a carico dell’articolazione casertana del Consorzio unico di Bacino (Cub) Napoli-Caserta e altro sequestro, il quarto, disposto dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere nei confronti del Consorzio. Il Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza, su delega dei magistrati inquirenti, ha sottoposto a sequestro nella mattinata di oggi una somma pari a 118 milioni di euro nella disponibilità del Cub. L’accusa nei confronti della dirigenza aziendale è quella ...segue

 


Aggredisce moglie con calci e pugni
Arrestato il marito per maltrattamenti

17.09.14 San Felice a Cancello - I carabinieri della locale stazione hanno arrestato, in flagranza per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni e minacce, Terracciano Giuseppe Fiore, cl. 1977, di Arienzo (CE). I militari dell’Arma, a seguito di una richiesta di intervento pervenuta attraverso il 112, hanno bloccato il Terracciano mentre inveiva furiosamente contro la moglie. Nella circostanza l’uomo, dopo aver sfondato la porta d’ingresso dell’appartamento dove al momento è domiciliata la donna, l’ha aggredita con calci e pugni ...segue