Smantellata una banda di "tombaroli"
Agivano nelle zone di Caserta e Benevento

21.01.11 Casal di Principe - È di cinque arresti, sette misure cautelari personali (divieto di dimora o obbligo di firma) e 51 indagati il bilancio dell'operazione dei carabinieri Patrimonio culturale che ha portato a smantellare una banda di tombaroli di Casal di Principe attiva nell'area dell'alta Campania (Caserta e Benevento) ma anche fra Roma e Viterbo. E forse collusa con la criminalità organizzata, visto che alcuni degli indagati sono stati già coinvolti in altre indagini per associazione camorristica e favoreggiamento della latitanza di esponenti del clan dei casalesi.

L'inchiesta, coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, ha recupero di 633 reperti archeologici, per un valore di circa un milione di euro ed è partita nel 2009 in seguito alla scoperta di trafugamenti a Riardo, Teano, Calvi Risorta, Sant'Agata dei Goti e Montesarchio.

Decisivo è stato però il ritrovamento di un cappello, perso da un tombarolo in uno scavo clandestino nel Sannio. Dopo aver trovato il proprietario, i carabinieri sono riusciti a risalire ai suoi complici e a ricostruire tutto l'organigramma della struttura criminale: gli «scavatori», i fiancheggiatori (tra cui diversi incensurati), cui spettava occultare i reperti in attesa della vendita, gli artigiani (soprattutto pugliesi) addetti alla produzione di reperti falsi, da rivendere mescolati a quelli autentici, fino ai procacciatori e ai ricettatori, capaci di piazzare i pezzi più importanti anche all'estero.

I tombaroli, divisi generalmente in squadre da tre o quattro unità, si davano appuntamento in un bar di Casal di Principe, dove pianificavano gli obiettivi da «visitare» all'imbrunire, attrezzati di tutto punto: pale, picconi, lampade collegate a batterie d'auto e spilloni per controllare l'eventuale presenza di oggetti o cavità nel terreno, tali da indicare la presenza di reperti o tombe. Il giorno dopo, le aree trafugate si presentavano agli occhi degli investigatori e dei funzionari della Soprintendenza come un campo di battaglia. Una vera e propria groviera, con le buche scavate e parzialmente ricoperte, a volte lasciate perfino del tutto aperte, con tutti i rischi connessi per i proprietari dei terreni e gli animali da pascolo, senza contrare i danni provocati alle coltivazioni.

Fra il materiale recuperato nel corso delle perquisizioni, crateri a calice e a volute, skyphos, kylix, gorgoni, satiri e protomi femminili. E ancora, 1.050 frammenti, 31 reperti falsi, 73 monete antiche, cinque metal detector e 18 spilloni. Circa un milione di euro il valore complessivo. Le consulenze tecniche sui beni sequestrati hanno evidenziato la grande rilevanza archeologica di molti dei reperti recuperati, sia per le qualità artistiche che per le unicità delle decorazioni e la raffinatezza dei materiali impiegati. Tra queste, una oinochoe a figure nere del VII secolo a.C. e una a figure rosse del IV secolo a.C., con una particolare rappresentazione di un demone alato, attribuito al pittore di Napoli, e due crateri a campana a figure rosse, riconducibili, rispettivamente, al pittore di Dinos (420-450 a. C.) e al pittore di Caivano (340-330 a. C.) (ilGiornale.it)


 
 

Bimba di dieci anni sui binari
Tragedia sfiorata a Recale

14.04.14 Recale - Attimi di terrore ieri sera a Recale. Una bambina di dieci anni ha rischiato di essere investita da un treno merci in arrivo nella stazione del paese casertano. La ragazzina era giunta sui binari dopo essersi allontanata dal cortile di casa, dove stava giocando. Proprio in quel momento però era in arrivo un treno merci che, solo grazie all'abilità del macchinista, riuscito miracolosamente a frenare il mezzo, si è ...segue

 

Maestro abusa di un alunno
Insegnante di 47 anni di Pignataro

12.04.14 Pignataro Maggiore - Un insegnante di 47 anni di Pignataro Maggiore (Caserta), accusato di gravi abusi sessuali su un alunno, avvenuti nel 2005, è stato condannato in via definitiva dalla Corte di Cassazione che ha rigettato il suo ricorso. D.V.F., queste le sue iniziali, insegnava in una scuola elementare di Marzano Appio. Gli agenti della Squadra Mobile di Caserta (guidati dal vice questore Alessandro Tocco) lo hanno ...segue

Guardia di Finanza in parrocchia
Alla chiesa di San Biagio in Limatola

12.04.14 Limatola - La Guardia di Finanza ha effettuato una perquisizione nella parrocchia di San Biagio Martire a Limatola e particolarmente nei confronti del parroco, don Giuseppe Giuliano in ordine alle sue attività economico-finanziarie. Il parroco era finito più volte nei servizi della trasmissione "Le Iene" e definito come "parroco businessman" anche in merito alla decisione di sfrattare alcune famiglie di immigrati che non ...segue

 

Gestiva affari del marito in carcere
In manette la moglie del boss

11.04.14 Caserta - Dopo l'arresto del marito, capozona del clan dei Casalesi, ha preso in mano i suoi affari illeciti tra i comuni casertani di Grazzanise, Santa Maria la Fossa e Santa Andrea del Pizzone, malgrado fosse agli arresti domiciliari. La Squadra Mobile della Questura di Caserta ha arrestato Luisa Martino, 51 anni, moglie di Alfonso Cacciapuoti, detto «capa ianca», 56 anni, capozona del gruppo Schiavone del clan di Casal ...segue

 

Giuseppe Feola non ce l'ha fatta
Il giovane calciatore vittima di un incidente

11.04.14 Caserta - Intorno alle 20 l’ultimo atto di un dramma consumatosi nella serata di martedì: si è deciso di spegnere le macchine che tenevano in vita il calciatore, di cui era stata registrata la morte cerebrale. E sono stati attimi delicati per decidere se procedere all’espianto degli ...segue

Chiedevano il pizzo di Pasqua
A titolare di un supermercato di Teverola

11.04.14 Teverola - Chiedevano il 'pizzo di Pasqua' al titolare di un supermercato di Teverola (Caserta), nonostante uno di loro fosse sottoposto a sorveglianza speciale e detenuto agli arresti domiciliari, per conto del clan dei Casalesi. La Squadra mobile di Caserta ha eseguito un'ordinanza di ...segue

 

  

 


Sesso in cambio di un appalto
Arrestato un dirigente del Comune

10.04.14 Santa Maria a Vico - Architetto a Cuba, escort in Italia: è la vicenda di Giusy, la giovane donna «offerta» dall'imprenditore Angelo Grillo al dirigente del Comune di Santa Maria a Vico Pio Affinita in cambio di un appalto di circa quattro milioni alla ditta «Fare l'Ambiente» di Ciampino. La vicenda emerge dall'ordinanza di custodia cautelare notificata dai carabinieri di Caserta a nove persone tra cui lo stesso Affinita. L'inchiesta nasce da quella che nei mesi scorsi aveva fatto luce sulle irregolarità negli appalti della ...segue

 

Arrestati amministratori comunali
Del comune di Santa Maria a Vico

09.04.14 Santa Maria a Vico - Nove ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state eseguite all'alba da parte dei Carabinieri di Caserta nell'ambito di un'inchiesta della Dda di Napoli. I reati ipotizzati sono turbata libertà degli incanti, abuso d'ufficio, corruzione e sfruttamento della prostituzione, aggravati dal metodo mafioso. Fra le persone arrestate dai militari del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Caserta vi sono anche amministratori pubblici del Comune di Santa Maria a Vico. “Nel confermare piena fiducia ...segue

 


Estorsione, eseguiti 9 arresti
Appartenenti al clan Fragnoli-Gagliardi

08.04.14 Mondragone - Nelle prime ore della mattinata odierna, nell'ambito di un'articolata indagine coordinata da questa Procura della Repubblica, i Carabinieri della Compagnia di Mondragone hanno eseguito un'ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di 9 persone, degli arresti domiciliari nei confronti di altre tre e del divieto di dimora nella Regione Campania nei confronti di ulteriori tre, tutti ritenuti responsabili, a vario titolo, di lesioni personali (art. 582 c.p.), danneggiamento (art. ...segue