Smantellata una banda di "tombaroli"
Agivano nelle zone di Caserta e Benevento

21.01.11 Casal di Principe - È di cinque arresti, sette misure cautelari personali (divieto di dimora o obbligo di firma) e 51 indagati il bilancio dell'operazione dei carabinieri Patrimonio culturale che ha portato a smantellare una banda di tombaroli di Casal di Principe attiva nell'area dell'alta Campania (Caserta e Benevento) ma anche fra Roma e Viterbo. E forse collusa con la criminalità organizzata, visto che alcuni degli indagati sono stati già coinvolti in altre indagini per associazione camorristica e favoreggiamento della latitanza di esponenti del clan dei casalesi.

L'inchiesta, coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, ha recupero di 633 reperti archeologici, per un valore di circa un milione di euro ed è partita nel 2009 in seguito alla scoperta di trafugamenti a Riardo, Teano, Calvi Risorta, Sant'Agata dei Goti e Montesarchio.

Decisivo è stato però il ritrovamento di un cappello, perso da un tombarolo in uno scavo clandestino nel Sannio. Dopo aver trovato il proprietario, i carabinieri sono riusciti a risalire ai suoi complici e a ricostruire tutto l'organigramma della struttura criminale: gli «scavatori», i fiancheggiatori (tra cui diversi incensurati), cui spettava occultare i reperti in attesa della vendita, gli artigiani (soprattutto pugliesi) addetti alla produzione di reperti falsi, da rivendere mescolati a quelli autentici, fino ai procacciatori e ai ricettatori, capaci di piazzare i pezzi più importanti anche all'estero.

I tombaroli, divisi generalmente in squadre da tre o quattro unità, si davano appuntamento in un bar di Casal di Principe, dove pianificavano gli obiettivi da «visitare» all'imbrunire, attrezzati di tutto punto: pale, picconi, lampade collegate a batterie d'auto e spilloni per controllare l'eventuale presenza di oggetti o cavità nel terreno, tali da indicare la presenza di reperti o tombe. Il giorno dopo, le aree trafugate si presentavano agli occhi degli investigatori e dei funzionari della Soprintendenza come un campo di battaglia. Una vera e propria groviera, con le buche scavate e parzialmente ricoperte, a volte lasciate perfino del tutto aperte, con tutti i rischi connessi per i proprietari dei terreni e gli animali da pascolo, senza contrare i danni provocati alle coltivazioni.

Fra il materiale recuperato nel corso delle perquisizioni, crateri a calice e a volute, skyphos, kylix, gorgoni, satiri e protomi femminili. E ancora, 1.050 frammenti, 31 reperti falsi, 73 monete antiche, cinque metal detector e 18 spilloni. Circa un milione di euro il valore complessivo. Le consulenze tecniche sui beni sequestrati hanno evidenziato la grande rilevanza archeologica di molti dei reperti recuperati, sia per le qualità artistiche che per le unicità delle decorazioni e la raffinatezza dei materiali impiegati. Tra queste, una oinochoe a figure nere del VII secolo a.C. e una a figure rosse del IV secolo a.C., con una particolare rappresentazione di un demone alato, attribuito al pittore di Napoli, e due crateri a campana a figure rosse, riconducibili, rispettivamente, al pittore di Dinos (420-450 a. C.) e al pittore di Caivano (340-330 a. C.) (ilGiornale.it)

Ladri di appartamento in azione
Arrestati in flagranza ad Alife

01.05.15 Alife - I Carabinieri delle stazioni di Alife ed Alvignano (CE), hanno arrestato, in flagranza di reato per furto in abitazione Fabrizio Salvatore, cl. 1989, di Piedimonte Matese (CE), Cerrone Nicola, cl. 1993, di Alife e altri 2 minori del luogo. I militari dell’Arma, allertati dal proprietario dell’abitazione, sono prontamente giunti sul posto dove hanno sorpreso i quattro ancora intenti ad asportare oggetti in rame ...segue

 

Tutela regolarità occupazionale
Vasta operazione dei carabinieri NIL

30.04.15 Caserta - Una vasta operazione a tutela della regolarità occupazionale e delle condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro è stata condotta la scorsa settimana – in ambito provinciale - dal Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Caserta (NIL) e dagli Ispettori del Lavoro della DTL diretti dal Dirigente Ing. Rossano Festa, che con il supporto delle Stazioni Carabinieri hanno sottoposto a verifica ispettiva ben 27 ...segue

Cosentino, regali recapitati in carcere
Arrestati cognato e agente penitenziario

29.04.15 Caserta - Un cognato di Nicola Cosentino (fratello della moglie), lo stesso ex sottosegretario di Stato ed un agente di polizia penitenziaria in servizio al carcere di Secondigliano a Napoli risultano essere destinatari di ordinanze di carcerazione nell’ambito di un fascicolo aperto dalla procura presso la Direzione distrettuale antimafia di Napoli su presunti favori chiesti ed ottenuti dall’ex politico in regime di ...segue

 

Arrestati due rapinatori di tir
Bloccavano i localizzatori GPS

28.04.15 Caserta - I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise hanno proceduto all’arresto di Mandiello Salvatore cl. 65 di Boscoreale (NA) e Tanzillo Domenico cl. 52 di Acerra, autotrasportatore. I due sono ritenuti responsabili, in concorso, della rapina in danno di un autotrasportatore della SDA Express Courier Spa. Nello specifico, i carabinieri allertati da una segnalazione anonima avevano ...segue

 

Sospetti complici dell'Isis a Caserta
Ma era un errore del traduttore

27.04.15 Sessa Aurunca - Sono stati già tutti rilasciati in giornata i cittadini stranieri fermati ed interrogati dopo un blitz scattato all’alba di oggi da parte dei reparti speciali dei carabinieri di Roma nella zona di Sessa Aurunca. L’azione era partita per il sospetto d’essersi imbattuti ...segue

Sgominata banda di rapinatori
Carabinieri arrestano cinque casalesi

27.04.15 Casal di Principe - In data odierna, all’esito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Casal di Principe hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale ...segue

 

  

 


Malmenata davanti studio legale
Presenti dei minori, ricercato il marito

24.04.15 Marcianise - Una donna di 35 anni è stata sorpresa e picchiata dal marito a Marcianise, in provincia di Caserta, davanti allo studio dell'avvocato al quale si stava per rivolgere per il divorzio. La donna, separata dall'uomo da circa due anni, è stata malmenata davanti ai due figli di 5 e 6 anni. Dopo le percosse la donna, con una ferita alla testa, si è rifugiata nell'ufficio dell'avvocato. Uno degli impiegati ha chiamato i carabinieri che, una volta giunti sul posto, hanno accompagnato la donna in ospedale. La donna aveva deciso ...segue

 

Simulazione di furti e rapine di veicoli
Anche minacce con armi in ufficio postale

24.04.15 Aversa - I Carabinieri del Reparto Territoriale di Aversa hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti di 2 indagati ritenuti responsabili dei reati di rapina, ricettazione e furto in abitazione, commessi nelle province di Napoli e Caserta dal 2008 al 2010. I destinatari del provvedimento sono DELLA MEDAGLIA Michele, cl.1968, di Capodrise (CE) e NEGRO Antonio, cl. ...segue

 


Ricettazione,acquisto cellulari illegali
60enni napoletani associati in carcere

24.04.15 Alife - I Carabinieri della Stazione di Alife (CE), nel corso di un predisposto servizio finalizzato al contrasto di reati in genere, hanno deferito in stato di libertà 2 persone, un 67enne di Arzano (NA) ed un 61enne di Napoli, per i reati di ricettazione ed acquisto di cose di illecita provenienza. Nella circostanza i due sono stati sorpresi mentre cercavano di vendere quattro telefoni cellulari, sottoposti a sequestro, di cui non hanno saputo dimostrare la provenienza.segue