Smantellata una banda di "tombaroli"
Agivano nelle zone di Caserta e Benevento

21.01.11 Casal di Principe - È di cinque arresti, sette misure cautelari personali (divieto di dimora o obbligo di firma) e 51 indagati il bilancio dell'operazione dei carabinieri Patrimonio culturale che ha portato a smantellare una banda di tombaroli di Casal di Principe attiva nell'area dell'alta Campania (Caserta e Benevento) ma anche fra Roma e Viterbo. E forse collusa con la criminalità organizzata, visto che alcuni degli indagati sono stati già coinvolti in altre indagini per associazione camorristica e favoreggiamento della latitanza di esponenti del clan dei casalesi.

L'inchiesta, coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, ha recupero di 633 reperti archeologici, per un valore di circa un milione di euro ed è partita nel 2009 in seguito alla scoperta di trafugamenti a Riardo, Teano, Calvi Risorta, Sant'Agata dei Goti e Montesarchio.

Decisivo è stato però il ritrovamento di un cappello, perso da un tombarolo in uno scavo clandestino nel Sannio. Dopo aver trovato il proprietario, i carabinieri sono riusciti a risalire ai suoi complici e a ricostruire tutto l'organigramma della struttura criminale: gli «scavatori», i fiancheggiatori (tra cui diversi incensurati), cui spettava occultare i reperti in attesa della vendita, gli artigiani (soprattutto pugliesi) addetti alla produzione di reperti falsi, da rivendere mescolati a quelli autentici, fino ai procacciatori e ai ricettatori, capaci di piazzare i pezzi più importanti anche all'estero.

I tombaroli, divisi generalmente in squadre da tre o quattro unità, si davano appuntamento in un bar di Casal di Principe, dove pianificavano gli obiettivi da «visitare» all'imbrunire, attrezzati di tutto punto: pale, picconi, lampade collegate a batterie d'auto e spilloni per controllare l'eventuale presenza di oggetti o cavità nel terreno, tali da indicare la presenza di reperti o tombe. Il giorno dopo, le aree trafugate si presentavano agli occhi degli investigatori e dei funzionari della Soprintendenza come un campo di battaglia. Una vera e propria groviera, con le buche scavate e parzialmente ricoperte, a volte lasciate perfino del tutto aperte, con tutti i rischi connessi per i proprietari dei terreni e gli animali da pascolo, senza contrare i danni provocati alle coltivazioni.

Fra il materiale recuperato nel corso delle perquisizioni, crateri a calice e a volute, skyphos, kylix, gorgoni, satiri e protomi femminili. E ancora, 1.050 frammenti, 31 reperti falsi, 73 monete antiche, cinque metal detector e 18 spilloni. Circa un milione di euro il valore complessivo. Le consulenze tecniche sui beni sequestrati hanno evidenziato la grande rilevanza archeologica di molti dei reperti recuperati, sia per le qualità artistiche che per le unicità delle decorazioni e la raffinatezza dei materiali impiegati. Tra queste, una oinochoe a figure nere del VII secolo a.C. e una a figure rosse del IV secolo a.C., con una particolare rappresentazione di un demone alato, attribuito al pittore di Napoli, e due crateri a campana a figure rosse, riconducibili, rispettivamente, al pittore di Dinos (420-450 a. C.) e al pittore di Caivano (340-330 a. C.) (ilGiornale.it)

Picchia la moglie 17enne incinta
Aversa, carabinieri arrestano il marito

14.12.14 Aversa - Aveva picchiato la moglie di soli 17 anni incinta provocandole ferite alla gola e ai polsi curate poi dal personale medico. Un marocchino di 36 anni, A.A., residente ad Aversa è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia dai carabinieri della stazione normanna. L’uomo, nella propria abitazione, aveva malmenato e minacciato la consorte. Nella circostanza è stato inoltre richiesto l’intervento dei servizi ...segue

 

Catturato affiliato del clan Belforte
Si era nascosto a Sant’Agata dei Goti

13.12.14 Marcianise - BRUNO Aniello cl. 83, affiliato al clan camorristico dei “Belforte” di Marcianise è stato catturato dai Carabinieri del locale Comando Compagnia. Il BRUNO si era reso irreperibile lo scorso 27 novembre allorquando, gli agenti della Polizia di Stato di Caserta, lo avevano ricercato per notificargli un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Napoli - Sezione Riesame. Nella tarda serata di ieri, la svolta. ...segue

Sigarette low cost ad alto rischio
Prende nuovo vigore il traffico di bionde

11.12.14 Caserta - Le sigarette di Stato «uccidono», quelle di contrabbando di più, ma costano meno. È la ragione per cui il traffico di «bionde» che sembrava aver esaurito la sua spinta sul territorio italiano, ha ripreso nuovo vigore nell’ultimo anno. E la zona di maggior diffusione, oltre a Napoli, è quella a cavallo tra le province di Caserta e Napoli. Qui le Fiamme Gialle guidate dal maggiore Danilo Toma hanno sequestrato solo ...segue

 

Quattro tonnellate di botti illegali
Operazione della Guardia di Finanza

10.12.14 Marcianise - A pochi giorni dai festeggiamenti di fine anno i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Caserta hanno messo a segno il primo duro colpo alle organizzazioni delinquenziali che in questo periodo si adoperano per lucrare sulla produzione e vendita di fuochi illegali. Sono stati sequestrati complessivamente 4.200 chilogrammi di artifizi pirotecnici di IV e V categoria e due soggetti, A.F. di anni 52 ...segue

 

Carabinieri: controllo del terrirotio
Servizio straordinario la scorsa notte

07.12.14 Caserta - Nella decorsa notte, in Caserta, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e quelli delle Stazioni della Compagnia di Caserta, unitamente a personale cinofilo di Napoli, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio, volto ad infrenare la ...segue

Investite attraversando la strada
Madre e figlia in prognosi riservata

06.12.14 Casaluce - In Casaluce (CE), un cinquantaduenne di Teverola (CE), alla guida propria autovettura, mentre percorreva Via Vittorio Emanuele, per cause ancora in corso di accertamento, ha investito due donne, madre e figlia , residenti in Casaluce, proprio mentre stavano attraversando la ...segue

 

  

 

 


Mozzarella di bufala adulterata
Quattro arresti nel casertano

05.12.14 Caserta - Ancora una volta un caso di adulterazione alimentare vede coinvolte le mozzarelle prodotte nel casertano. Lo scorso maggio – ricorda il Codacons – 13 persone finirono agli arresti domiciliari nell’ambito di una operazione condotta dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, per violazioni del disciplinare di produzione con latte vaccino mescolato a quello di bufala e mancanza di controlli igienico-sanitari. Scandali di questo tipo creano un danno enorme al nostro paese e al “Made in Italy”, la cui reputazione sul fronte ...segue

 

Terra dei Fuochi: traffico di rifiuti
Sequestrate due aziende dal Noe

01.12.14 Caserta - I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Caserta hanno tratto in arresto 9 persone in seguito ad un’ordinanza applicativa emessa dal GIP del Tribunale di Napoli per una serie di reati che vanno dal traffico di rifiuti al falso alla truffa ai danni di Ente Pubblico. Nell’inchiesta risultano indagate, oltre agli arrestati, altre 17 persone. Le indagini condotte dal NOE di Caserta e coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, sono state attivate inizialmente sul conto di una società fantasma, la ...segue

 


Carabinieri, controllo del territorio
Per la repressione dei reati predatori

30.11.14 Caserta - Nel corso della notte, nel corso di un servizio straordinario di controllo del territorio, finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori ed al controllo della circolazione stradale i carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere hanno accertato nr. 13 violazioni all’art. 186 comma 2 c.d.s (guida in stato di ebbrezza), a seguito delle quali 5 persone sono state anche deferite in stato di libertà. I particolare, nel corso del servizio è stato rilevato, nei soggetti sottoposti a controllo, un ...segue