Smantellata una banda di "tombaroli"
Agivano nelle zone di Caserta e Benevento

21.01.11 Casal di Principe - È di cinque arresti, sette misure cautelari personali (divieto di dimora o obbligo di firma) e 51 indagati il bilancio dell'operazione dei carabinieri Patrimonio culturale che ha portato a smantellare una banda di tombaroli di Casal di Principe attiva nell'area dell'alta Campania (Caserta e Benevento) ma anche fra Roma e Viterbo. E forse collusa con la criminalità organizzata, visto che alcuni degli indagati sono stati già coinvolti in altre indagini per associazione camorristica e favoreggiamento della latitanza di esponenti del clan dei casalesi.

L'inchiesta, coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, ha recupero di 633 reperti archeologici, per un valore di circa un milione di euro ed è partita nel 2009 in seguito alla scoperta di trafugamenti a Riardo, Teano, Calvi Risorta, Sant'Agata dei Goti e Montesarchio.

Decisivo è stato però il ritrovamento di un cappello, perso da un tombarolo in uno scavo clandestino nel Sannio. Dopo aver trovato il proprietario, i carabinieri sono riusciti a risalire ai suoi complici e a ricostruire tutto l'organigramma della struttura criminale: gli «scavatori», i fiancheggiatori (tra cui diversi incensurati), cui spettava occultare i reperti in attesa della vendita, gli artigiani (soprattutto pugliesi) addetti alla produzione di reperti falsi, da rivendere mescolati a quelli autentici, fino ai procacciatori e ai ricettatori, capaci di piazzare i pezzi più importanti anche all'estero.

I tombaroli, divisi generalmente in squadre da tre o quattro unità, si davano appuntamento in un bar di Casal di Principe, dove pianificavano gli obiettivi da «visitare» all'imbrunire, attrezzati di tutto punto: pale, picconi, lampade collegate a batterie d'auto e spilloni per controllare l'eventuale presenza di oggetti o cavità nel terreno, tali da indicare la presenza di reperti o tombe. Il giorno dopo, le aree trafugate si presentavano agli occhi degli investigatori e dei funzionari della Soprintendenza come un campo di battaglia. Una vera e propria groviera, con le buche scavate e parzialmente ricoperte, a volte lasciate perfino del tutto aperte, con tutti i rischi connessi per i proprietari dei terreni e gli animali da pascolo, senza contrare i danni provocati alle coltivazioni.

Fra il materiale recuperato nel corso delle perquisizioni, crateri a calice e a volute, skyphos, kylix, gorgoni, satiri e protomi femminili. E ancora, 1.050 frammenti, 31 reperti falsi, 73 monete antiche, cinque metal detector e 18 spilloni. Circa un milione di euro il valore complessivo. Le consulenze tecniche sui beni sequestrati hanno evidenziato la grande rilevanza archeologica di molti dei reperti recuperati, sia per le qualità artistiche che per le unicità delle decorazioni e la raffinatezza dei materiali impiegati. Tra queste, una oinochoe a figure nere del VII secolo a.C. e una a figure rosse del IV secolo a.C., con una particolare rappresentazione di un demone alato, attribuito al pittore di Napoli, e due crateri a campana a figure rosse, riconducibili, rispettivamente, al pittore di Dinos (420-450 a. C.) e al pittore di Caivano (340-330 a. C.) (ilGiornale.it)


 
 

Si incatena davanti al Comune
Era stato licenziato dalla Ecocar

21.07.14 Caserta - Un lavoratore dell’Ecocar, azienda che effettua il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nella città di Caserta raggiunta pochi giorni fa da un’interdittiva antimafia emessa dalla prefettura, si è incatenato da questa mattina alle 7.30 davanti al Municipio del capoluogo, per protestare contro il licenziamento avvenuto il 3 giugno scorso. «Mi hanno licenziato perché, dicono, avrei diffamato l’azienda ...segue

 

Marcianise: scacco al clan Belforte
Arrestati anche funzionari del Comune

21.07.14 Marcianise - Blitz a Marcianise in mattinata dove i Carabinieri del reparto operativo di Caserta, quelli della Guardia di finanza di Marcianise e la Polizia di Stato di Caserta, stanno mettendo a segno diversi arresti tra cui persone legate al clan Belforte. Tra gli arrestati ci sono anche funzionari del Comune di Marcianise. Le forze dell'ordine hanno proceduto al sequesatro del centro direzionale Vanvitelli, una struttura ...segue

Donna si finge badante e li deruba
Due anziani "alleggeriti" di 10.000 euro

19.07.14 Caserta - Mercoledì 16 luglio, aveva approfittato della buona fede di due persone anziane abitanti in Gioia Sannitica e con la scusa di fornire assistenza sanitaria domiciliare gratuita disposta dal Comune, si era introdotta in casa e dopo aver circuito i due anziani convincendoli della sua serietà si era allontanata portando via i risparmi custoditi in casa, più di 10.0000,00 euro. Solo dopo alcuni minuti i due anziani si ...segue

 

Vandalismo al campo scout
Fermati ragazzi fra 14 e 15 anni

19.07.14 San Nicola la Strada - I Carabinieri della Stazione di San Nicola la Strada, hanno identificato un gruppo di 10 ragazzi di età compresa tra i 14 ed i 15 anni ritenuti responsabili di atti vandalici, verificatisi lo scorso 15 luglio, in danno della sede scout di San Nicola la Strada. Nel corso dell’evento i giovanissimi avevano danneggiato ed imbrattato, con vernice, alcuni arredi e suppellettili presenti nel campo mettendo ...segue

 

Cadono calcinacci in via Renella
Tragedia sfiorata in centro a Caserta

18.07.14 Caserta - Sfiorata la tragedia nel centro di Caserta. Sono stati attimi di paura quelli vissuti ieri mattina a causa del distaccamento di grossi pezzi di intonaco dal cornicione dell’ultimo piano di un palazzo all’angolo tra via Don Bosco e via Fulvio Renella. Sono da poco passate le ...segue

Imbrattato il pallone delle 4 Stelle
Identificato e fermato l'autore del gesto

18.07.14 Caserta - Imbrattato il pallone di basket, posto nella rotonda all'incrocio fra via Cappuccini e via Ruggiero, a memoria delle 4 Stelle. "La Polizia Municipale ha identificato l'autore del gesto attraverso il quale la scorsa notte è stato imbrattato il pallone di basket "4 Stelle" e sta ...segue

 

  

 


Uccise un uomo per dissidi economici
Arrestato il colpevole di San Marcellino

16.07.14 Trentola Ducenta - In San Marcellino i Carabinieri della Stazione di Trentola Ducenta hanno proceduto all’arresto, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere - ufficio G.I.P. , di Guarino Giuseppe, cl. 1968, di Trentola Ducenta ma domiciliato in San Marcellino, gravato da associazione mafiosa e estorsione aggravata ed appartenente al clan dei casalesi – fazione Cantone. In particolare il Guarino il 23 agosto del 2013 in Trentola Ducenta esplodeva un colpo ...segue

 

Arrestato uno stupratore latitante
Reo di violenza sessuale di gruppo

16.07.14 Castel Volturno - Era ricercato dal mese di maggio del 2011, allorquando evase dagli arresti domiciliari a cui era sottoposto, poiché riconosciuto colpevole del reato di violenza sessuale di gruppo. Si tratta di Franco Michele cl. 1938, domiciliato in Castel Volturno, che dovrà scontare una pena di anni 10, mesi 10 e gg. 15 di reclusione. La sua latitanza è terminata questa notte. A catturarlo sono stati i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Caserta, coadiuvati dai colleghi del luogo e coordinati dalla ...segue

 


Una rissa degenera in sparatoria
Gambizzati due cittadini Costa d'Avorio

13.07.14 Castel Volturno - Nel corso della serata odierna, a Castel Volturno, un uomo in in corso di identificazione ha iniziato a sparare all'impazzata a due cittadini della Costa d'Avorio con colpi d'arma da fuoco ferendoli agli arti inferiori. I due, rispettivamente cl. 84 e 77 sono stati ricoverati, non in pericolo di vita, presso la clinica Pineta Grande di Castel Volturno. Tale evento ha scatenato le immediate rimostranze di un nutrito gruppo di connazionali che hanno subito iniziato con l'appiccare il fuoco a quattro autovetture ed ...segue