Elezioni, analisi situazione politica
Caserta, "Un candidato ogni cento abitanti "

22.03.10 - Un candidato ogni cento abitanti. Nella provincia di Caserta sarà strenua la lotta per il voto, a giudicare dai numeri. In un territorio che conta circa 900 mila residenti, saranno infatti in 900, spalmati su 25 liste, a contendersi una preferenza. Sette gli aspiranti presidenti. Ma gli unici con chance di vittoria sono Domenico Zinzi, deputato dell’Udc che corre per il centrodestra con il sostegno di 13 liste, e Giuseppe Stellato, consigliere regionale uscente del Pd, appoggiato da sette liste di centrosinistra. In un territorio vessato dalla camorra, dal problema mai risolto dei rifiuti e dalla carenza di lavoro, la non facile sfida di governo presenta fin d’ora un obiettivo comune: risalire la classifica della qualità della vita, che nel 2009 collocava Caserta al non invidiabile 103esimo posto, tra le 107 province d’Italia, in calo di nove posizioni rispetto al 2008.

Non ha di certo aiutato, il fatto di essere in campagna elettorale da ormai un anno. Il 24 marzo del 2009, infatti, il presidente Sandro De Franciscis, eletto nelle file del Pd, decideva di rassegnare le dimissioni «per motivi esclusivamente personali». De Franciscis abbandonava la guida del casertano per occuparsi del Bureau Medical di Lourdes, l’organismo che raccoglie la documentazione medica sulle guarigioni. Una vocazione missionaria, dunque, che ha portato allo scioglimento del consiglio provinciale e a un anno intero di commissariamento, in attesa del voto. Un anno segnato soprattutto dall’emergenza rifiuti. Problema, raccontano le cronache degli ultimi giorni, lontano dall’essere definitivamente risolto. I cassonetti e le strade hanno infatti ricominciato a straripare di buste di plastica e spazzatura di ogni genere, a causa di una protesta, iniziata la scorsa settimana e tuttora in corso, di 1300 operatori ecologici che sono da due mesi senza stipendio.

E poi c’è la camorra. Da sempre cruccio delle campagne elettorali, per il timore di infiltrazioni. Occhi ben aperti, dunque, da parte della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, che ha avviato un’indagine conoscitiva su tutti i candidati campani. All’inizio di marzo, il questore di Caserta ha emesso una diffida nei confronti di un esponente centrista, per presunte relazioni con persone vicine al clan dei casalesi. Immediato l’intervento dell’Udc: “Il candidato Luigi Cassandra – si legge in un comunicato - con senso di responsabilità si è sospeso dal partito e si è ritirato dalla competizione elettorale. Pur essendo un atto di natura meramente amministrativa e non giudiziaria, non possiamo ignorare la rilevanza politica del provvedimento”.

Altre questioni, squisitamente politiche, hanno invece agitato le acque del centrodestra al momento della scelta del candidato presidente. Il coordinatore regionale del Pdl e sottosegretario Nicola Cosentino è arrivato a presentare le dimissioni, poi ritirate, dal partito e dal governo, quando da Roma è arrivata la notizia dell’alleanza campana Pdl-Udc, che avrebbe comportato la candidatura di Zinzi a Caserta. Una volta risolta questa grana, poi, l’ex ministro Mario Landolfi aveva minacciato di presentare la sua candidatura contro Zinzi, pur di bloccare il «mercato delle vacche» delle liste che andavano proliferando in appoggio al candidato.

L’inizio della campagna elettorale ha messo a tacere ogni dissidio. Il centrodestra si è ritrovato compattato dall’obiettivo di conquistare la quarta provincia campana, dopo le vittorie a Napoli, Salerno e Avellino dello scorso anno (mancherebbe solo Benevento). Ma il centrosinistra assicura che la cosa non è scontata. Pd, Udc, SeL, Api e Verdi si sono compattati senza grossi dissidi attorno a Stellato. Solo la Federazione della sinistra (Prc-Pdci) appoggia un candidato diverso: Antonio Dell’Aquila. Mentre gli altri aspiranti presidenti sono Giuseppe Vozza, di Speranza provinciale, Pasquale Merola, del Movimento della libertà-Liberal democratici, Salvatore Cervo, di Stop camorra, e l’immancabile Giuseppe Cirillo, che alle scorse provinciali si era presentato con la lista Preservativi gratis e questa volta è alla guida del Partito impotenti esistenziali.
(Serenella Mattera, www.tg24.sky.it)

Il PD provinciale riparte dai territori
Il calendario di incontri con i Circoli

15.09.14 Caserta - “Dopo una lunga fase congressuale che ha portato al rinnovo degli organismi dirigenti di quasi tutti i Circoli della nostra provincia, la nascita di nuove ed entusiasmanti realtà e la rivitalizzazione dell’attività politica dove da anni mancava, è tempo di passare ad una fase nuova: tradurre in azioni concrete le proposte congressuali di tutti i Circoli e provare a dare risposte alle numerose problematiche dei ...segue

 

Nicoletta Barbato nuovo assessore
Delega alla Cultura e Pubblica Istruzione

08.09.14 Caserta - "Comunico di aver nominato assessore alla Cultura, Pubblica Istruzione, Trasparenza amministrativa, Valorizzazione e promozione Reggia di Caserta, Rapporti istituzionali la dottoressa Nicoletta Barbato". Lo rende noto il sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio. "Casertana, mia amica da sempre, persona di cultura e grande esperienza politica nazionale - prosegue il sindaco - , è stata prima coordinatrice nazionale dei ...segue

Piccolo Festival della Politica
Domani ci sarà Pippo Civati del Pd

03.09.14 Sant'Agata de' Goti - Domani pomeriggio a Sant’Agata de’ Goti, nel salottino di piazza del Carmine, il deputato del Partito Democratico Pippo Civati sarà ospite della quinta edizione del Piccolo Festival della Politica. Il convegno dal titolo “Il senso del dissenso nella politica italiana al tempo dei partiti leaderistici e personali” vedrà la presenza di Giovanni Favia, consigliere regionale dell’Emilia Romagna, Fabio ...segue

 

Forza Italia non è dependance di Caldoro
Dichiarazioni del senatore Vincenzo D’Anna

28.08.14 Napoli - “Caldoro è diventato il nuovo coordinatore regionale di Forza Italia?”. A chiederselo è il senatore Vincenzo D’Anna iscritto al gruppo Gal ed eletto nelle liste campane del Pdl-FI. “In recentissime dichiarazioni - spiega il parlamentare - il presidente della giunta campana, che in queste ore lavora per dare vita a varie liste civiche a lui collegate per le prossime competizioni regionali (con la compiacente ...segue

 

Forza Italia: Sarro incontra i sindaci
Soddisfatto il sindaco Pio Del Gaudio

26.08.14 Caserta - Proseguono gli incontri con esponenti politici ed istituzionali della provincia di Caserta da parte del Commissario Provinciale di Forza Italia On.Sarro che ha incontrato il Sindaco di Caserta Dott. Pio Del Gaudio, il Sindaco di Capua Dott. Carmine Antropoli e il Sindaco di ...segue

Dichiarazione di Pio Del Gaudio
Ha ricevuto un avviso di garanzia

29.07-.14 Caserta - Pur comprendendo che le procedure di notifica non sono state ancora completate, per evitare fughe di notizie e strumentalizzazioni, credo sia giusto comunicare, come farò tra pochi minuti nel consiglio comunale in corso di svolgimento, di aver ricevuto una informazione di ...segue

 

  

 

 


Commissione pari opportunità
Adele Vairo eletta alla presidenza

17.07.14 Caserta - «Invito la Commissione a lavorare con rinnovata lena per recuperare il tempo fin qui trascorso. Essa è guidata e costituita da donne di qualità alle quali va il mio apprezzamento. Sono contento anche per la concomitanza dell’avvio di questo organismo nella giornata che ha visto confermata la visita del Papa a Caserta. Due occasioni per il rilancio di Caserta». Lo dichiara il sindaco Pio Del Gaudio al termine della prima riunione della Commissione Pari Opportunità del Comune di Caserta, che ha eletto Adele Vairo ...segue

 

L'assessore De Negri si è dimesso
Per problemi personali e con rammarico

16.07.14 Caserta - L'assessore Felicita De Negri ha rassegnato "per problemi personali e con rammarico" le sue dimissioni irrevocabili restituendo al sindaco Pio Del Gaudio le deleghe alla Cultura, alla Pubblica Istruzione e all'Edilizia Scolastica. "L'assessore De Negri - dichiara il sindaco - mi ha comunicato la volontà delle sue dimissioni. La ringrazio per le parole di stima indirizzate a me e all'onorevole Giovanna Petrenga che la indicò per l'ingresso in giunta. Ho invitato l'assessore a riflettere. Da diversi mesi mi confrontavo ...segue

 


Graziano presidente del Pd campano
Il plauso del partito provinciale Vitale

15.07.14 Caserta - Stefano Graziano,è il nuovo Presidente del partito regionale. Su di lui sono confluiti i voti all'unanimità di tutte le componenti del Pd campano. Un risultato prestigioso ma non inatteso, per il Partito casertano che inanella così in poco tempo quattro storici risultati: portare in Europa un suo rappresentante, ampliare la propria rappresentanza istituzionale e imporsi come primo partito provinciale. "Quando il partito recupera unità e senso di comunione- ha dichiarato non senza una punta di orgoglio il segretario ...segue