Elezioni, analisi situazione politica
Caserta, "Un candidato ogni cento abitanti "

22.03.10 - Un candidato ogni cento abitanti. Nella provincia di Caserta sarà strenua la lotta per il voto, a giudicare dai numeri. In un territorio che conta circa 900 mila residenti, saranno infatti in 900, spalmati su 25 liste, a contendersi una preferenza. Sette gli aspiranti presidenti. Ma gli unici con chance di vittoria sono Domenico Zinzi, deputato dell’Udc che corre per il centrodestra con il sostegno di 13 liste, e Giuseppe Stellato, consigliere regionale uscente del Pd, appoggiato da sette liste di centrosinistra. In un territorio vessato dalla camorra, dal problema mai risolto dei rifiuti e dalla carenza di lavoro, la non facile sfida di governo presenta fin d’ora un obiettivo comune: risalire la classifica della qualità della vita, che nel 2009 collocava Caserta al non invidiabile 103esimo posto, tra le 107 province d’Italia, in calo di nove posizioni rispetto al 2008.

Non ha di certo aiutato, il fatto di essere in campagna elettorale da ormai un anno. Il 24 marzo del 2009, infatti, il presidente Sandro De Franciscis, eletto nelle file del Pd, decideva di rassegnare le dimissioni «per motivi esclusivamente personali». De Franciscis abbandonava la guida del casertano per occuparsi del Bureau Medical di Lourdes, l’organismo che raccoglie la documentazione medica sulle guarigioni. Una vocazione missionaria, dunque, che ha portato allo scioglimento del consiglio provinciale e a un anno intero di commissariamento, in attesa del voto. Un anno segnato soprattutto dall’emergenza rifiuti. Problema, raccontano le cronache degli ultimi giorni, lontano dall’essere definitivamente risolto. I cassonetti e le strade hanno infatti ricominciato a straripare di buste di plastica e spazzatura di ogni genere, a causa di una protesta, iniziata la scorsa settimana e tuttora in corso, di 1300 operatori ecologici che sono da due mesi senza stipendio.

E poi c’è la camorra. Da sempre cruccio delle campagne elettorali, per il timore di infiltrazioni. Occhi ben aperti, dunque, da parte della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, che ha avviato un’indagine conoscitiva su tutti i candidati campani. All’inizio di marzo, il questore di Caserta ha emesso una diffida nei confronti di un esponente centrista, per presunte relazioni con persone vicine al clan dei casalesi. Immediato l’intervento dell’Udc: “Il candidato Luigi Cassandra – si legge in un comunicato - con senso di responsabilità si è sospeso dal partito e si è ritirato dalla competizione elettorale. Pur essendo un atto di natura meramente amministrativa e non giudiziaria, non possiamo ignorare la rilevanza politica del provvedimento”.

Altre questioni, squisitamente politiche, hanno invece agitato le acque del centrodestra al momento della scelta del candidato presidente. Il coordinatore regionale del Pdl e sottosegretario Nicola Cosentino è arrivato a presentare le dimissioni, poi ritirate, dal partito e dal governo, quando da Roma è arrivata la notizia dell’alleanza campana Pdl-Udc, che avrebbe comportato la candidatura di Zinzi a Caserta. Una volta risolta questa grana, poi, l’ex ministro Mario Landolfi aveva minacciato di presentare la sua candidatura contro Zinzi, pur di bloccare il «mercato delle vacche» delle liste che andavano proliferando in appoggio al candidato.

L’inizio della campagna elettorale ha messo a tacere ogni dissidio. Il centrodestra si è ritrovato compattato dall’obiettivo di conquistare la quarta provincia campana, dopo le vittorie a Napoli, Salerno e Avellino dello scorso anno (mancherebbe solo Benevento). Ma il centrosinistra assicura che la cosa non è scontata. Pd, Udc, SeL, Api e Verdi si sono compattati senza grossi dissidi attorno a Stellato. Solo la Federazione della sinistra (Prc-Pdci) appoggia un candidato diverso: Antonio Dell’Aquila. Mentre gli altri aspiranti presidenti sono Giuseppe Vozza, di Speranza provinciale, Pasquale Merola, del Movimento della libertà-Liberal democratici, Salvatore Cervo, di Stop camorra, e l’immancabile Giuseppe Cirillo, che alle scorse provinciali si era presentato con la lista Preservativi gratis e questa volta è alla guida del Partito impotenti esistenziali.
(Serenella Mattera, www.tg24.sky.it)

Rifare Caserta chiede chiarezza sui
progetti per accedere ai finanziamenti

16.06.15 Caserta - E’ passato quasi un mese dall’inopinata mancata presentazione da parte dell’amministrazione Del Gaudio dei progetti per accedere ai finanziamenti nazionali per la II annualità PAC, per servizi destinati ai minori (asili nido) ed agli anziani non autosufficienti (assistenza domiciliare). A tal proposito è in atto un’iniziativa parlamentare ad opera della sen. Capacchione, che con una interpellanza ha chiesto lumi ...segue

 

Caserta, consiglio comunale sospeso,
c'è il commissario Maria Grazia Nicolò

Dopo quattro anni si conclude l’esperienza
del centrodestra alla guida del capoluogo

03.06.15 Caserta - Forse si attendeva solo l’esito della tornata elettorale, oppure di meglio approfondire una situazione fattasi complicata. Fatto sta che a distanza di una settimana dalla ratifica delle dimissioni-bis di 18 consiglieri comunali di Caserta, oltre la metà cioè dei componenti dell’assise, stamani il prefetto di Caserta Carmela Pagano ha rotto gli indugi ed ha sospeso il Consiglio comunale di Caserta. ...segue

Pd Caserta: "Siamo pronti ad
assumere la guida di Caserta"

Immaginiamo un progetto in cui la Reggia
diventi l’epicentro di un percorso culturale

03.06.15 Caserta - Da oggi si apre ufficialmente la stagione del rinnovamento a Caserta. La fine della peggior amministrazione della storia della città impone che, sin da subito, ci si metta al lavoro per presentare alla città l’idea di sviluppo a cui il Partito democratico ha lavorato in questi anni. Un’idea composita che ha come obiettivo valorizzare il grande patrimonio artistico-culturale e di tradizioni che ha la città di ...segue

 

Pio Del Gaudio resta sindaco e firma
atti come se nulla fosse successo

Carlo Marino: "il prefetto Pagano ha il
dovere di assumere una decisione"

03.06.15 Caserta - La città di Caserta si domanda se Pio Del Gaudio sia o no ancora il primo cittadino di Caserta, dopo una settimana dalla presentazione ufficiale delle dimissioni di oltre la metà dei consiglieri della sua giunta. Il silenzio del prefetto Pagano è diventato inammissibile. «Sia che dichiari il sindaco decaduto, sia che lo confermi - ha tuonato ieri il consigliere Pd Carlo Marino, tra i registi del golpe ...segue

 

Campania al voto tra rebus
astensione e caso impresentabili

Elezione di sindaci in 10 comuni

31.05.15 Caserta - Nel capoluogo campano saranno chiamati al voto 787.871 elettori, di cui 370.600 maschi e 417.271 femmine. Le tabelle di ripartizione e di assegnazione dei 50 seggi sono state calcolate in base ai dati sulla popolazione del quindicesimo censimento dell'ottobre 2011 e al ...segue

Primo consiglio dell'era Di Costanzo
Più responsabilità per evitare il dissesto

Sono stati approvati tutti gli argomenti all’ordine del giorno del primo consiglio provinciale guidato dal presidente Angelo Di Costanzo. Dopo la convalida degli eletti, si è passati alla ratifica delle nomine dei revisori dei conti indicati dalla prefettura. Il nuovo collegio sarà composto dal ...segue

 

  

 


Caserta, i dati del report della CSL
Liquidazioni del dissesto in aumento

28.05.15 Caserta - Il sindaco Pio Del Gaudio ha incontrato in Comune i componenti della Commissione Straordinaria di Liquidazione che gli hanno consegnato i più recenti dati delle attività svolte e in corso circa le liquidazioni collegate al dissesto dell'Ente. "L'attività - afferma il sindaco - va avanti con più ampiezza, a testimonianza di procedure sempre più aderenti all'obiettivo di ridurre la massa passiva. Le transazioni inviate ai creditori sono ora 830 e le proposte transattive comprendono anche le istanze fuori termine ...segue

 

Scioglimento della giunta non valido
La Prefettura ha trovato un vizio di forma

27.05.15 Caserta - La Prefettura di Caserta ha informato il segretario generale del Comune di Caserta circa l'irritualità della presentazione delle dimissioni dei consiglieri comunali pervenute in data 26 maggio in Comune. Le stesse, infatti, a norma dell'art. 38 comma del Tuel, devono essere inoltrate da persona delegata con atto autenticato. La Prefettura ha chiesto al segretario generale di voler portare a conoscenza dei consiglieri quanto espresso, in quanto l'assenza di delega non concretizza la fattispecie di cui all'art. 141 del ...segue

 


Zinzi si difende dalle accuse
"La giunta non è caduta per colpa mia"

26.05.15 Caserta - “In merito al documento pieno di illazioni e di farneticazioni pubblicato da alcuni organi di informazione, appare inevitabile e quanto mai doveroso fare alcune precisazioni”. Questo l’incipit della replica del candidato alle elezioni regionali per Forza Italia, Gianpiero Zinzi, al documento firmato dagli amministratori comunali che sostenevano l’ex sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio. “In primo luogo - ha spiegato Zinzi - è del tutto incomprensibile come possano essere addebitate al sottoscritto o ai 4 consiglieri ...segue