Elezioni, analisi situazione politica
Caserta, "Un candidato ogni cento abitanti "

22.03.10 - Un candidato ogni cento abitanti. Nella provincia di Caserta sarà strenua la lotta per il voto, a giudicare dai numeri. In un territorio che conta circa 900 mila residenti, saranno infatti in 900, spalmati su 25 liste, a contendersi una preferenza. Sette gli aspiranti presidenti. Ma gli unici con chance di vittoria sono Domenico Zinzi, deputato dell’Udc che corre per il centrodestra con il sostegno di 13 liste, e Giuseppe Stellato, consigliere regionale uscente del Pd, appoggiato da sette liste di centrosinistra. In un territorio vessato dalla camorra, dal problema mai risolto dei rifiuti e dalla carenza di lavoro, la non facile sfida di governo presenta fin d’ora un obiettivo comune: risalire la classifica della qualità della vita, che nel 2009 collocava Caserta al non invidiabile 103esimo posto, tra le 107 province d’Italia, in calo di nove posizioni rispetto al 2008.

Non ha di certo aiutato, il fatto di essere in campagna elettorale da ormai un anno. Il 24 marzo del 2009, infatti, il presidente Sandro De Franciscis, eletto nelle file del Pd, decideva di rassegnare le dimissioni «per motivi esclusivamente personali». De Franciscis abbandonava la guida del casertano per occuparsi del Bureau Medical di Lourdes, l’organismo che raccoglie la documentazione medica sulle guarigioni. Una vocazione missionaria, dunque, che ha portato allo scioglimento del consiglio provinciale e a un anno intero di commissariamento, in attesa del voto. Un anno segnato soprattutto dall’emergenza rifiuti. Problema, raccontano le cronache degli ultimi giorni, lontano dall’essere definitivamente risolto. I cassonetti e le strade hanno infatti ricominciato a straripare di buste di plastica e spazzatura di ogni genere, a causa di una protesta, iniziata la scorsa settimana e tuttora in corso, di 1300 operatori ecologici che sono da due mesi senza stipendio.

E poi c’è la camorra. Da sempre cruccio delle campagne elettorali, per il timore di infiltrazioni. Occhi ben aperti, dunque, da parte della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, che ha avviato un’indagine conoscitiva su tutti i candidati campani. All’inizio di marzo, il questore di Caserta ha emesso una diffida nei confronti di un esponente centrista, per presunte relazioni con persone vicine al clan dei casalesi. Immediato l’intervento dell’Udc: “Il candidato Luigi Cassandra – si legge in un comunicato - con senso di responsabilità si è sospeso dal partito e si è ritirato dalla competizione elettorale. Pur essendo un atto di natura meramente amministrativa e non giudiziaria, non possiamo ignorare la rilevanza politica del provvedimento”.

Altre questioni, squisitamente politiche, hanno invece agitato le acque del centrodestra al momento della scelta del candidato presidente. Il coordinatore regionale del Pdl e sottosegretario Nicola Cosentino è arrivato a presentare le dimissioni, poi ritirate, dal partito e dal governo, quando da Roma è arrivata la notizia dell’alleanza campana Pdl-Udc, che avrebbe comportato la candidatura di Zinzi a Caserta. Una volta risolta questa grana, poi, l’ex ministro Mario Landolfi aveva minacciato di presentare la sua candidatura contro Zinzi, pur di bloccare il «mercato delle vacche» delle liste che andavano proliferando in appoggio al candidato.

L’inizio della campagna elettorale ha messo a tacere ogni dissidio. Il centrodestra si è ritrovato compattato dall’obiettivo di conquistare la quarta provincia campana, dopo le vittorie a Napoli, Salerno e Avellino dello scorso anno (mancherebbe solo Benevento). Ma il centrosinistra assicura che la cosa non è scontata. Pd, Udc, SeL, Api e Verdi si sono compattati senza grossi dissidi attorno a Stellato. Solo la Federazione della sinistra (Prc-Pdci) appoggia un candidato diverso: Antonio Dell’Aquila. Mentre gli altri aspiranti presidenti sono Giuseppe Vozza, di Speranza provinciale, Pasquale Merola, del Movimento della libertà-Liberal democratici, Salvatore Cervo, di Stop camorra, e l’immancabile Giuseppe Cirillo, che alle scorse provinciali si era presentato con la lista Preservativi gratis e questa volta è alla guida del Partito impotenti esistenziali.
(Serenella Mattera, www.tg24.sky.it)

Caserta, "Progetto Nonni Amici"
Collaborazione nelle aree delle scuole

27.03.15 Caserta - L'Amministrazione comunale rende noto che è in corso di elaborazione il "Progetto Nonni Amici" con l'obiettivo della collaborazione tra Polizia Municipale e cittadini allo scopo di sviluppare la sicurezza stradale nelle aree antistanti e limitrofe alle scuole materne, elementari e medie della città di Caserta. Chiunque voglia fornire la propria disponibilità per la realizzazione del progetto fin dall'avvio del ...segue

 

Terra dei Fuochi, aumentano i militari
Incremento per aree sensibili della Campania

27.03.15 Caserta - «Nel decreto legge antiterrorismo e missioni internazionali è stato disposto un rilevante incremento del numero complessivo di militari per presidiare il territorio e vigilare nella Terra dei Fuochi». Lo sottolineano in una dichiarazione Salvatore Piccolo e Tino Iannuzzi, deputati del Partito democratico. «Viene così rafforzato l’impegno assunto da Renzi: infatti - hanno aggiunto - in primo luogo, è stato ...segue

Affidamento incarico per Servizi Sociali
Chiuse le indagini per 18 sindaci e dirigenti

27.03.15 Caserta - Un incarico «tagliato» su misura con i requisiti rielaborati, sopravvalutando i punteggi per gli incarichi pregressi già posseduti dall'aspirante che, proprio in virtù di queste modifiche, risulterà l'unico candidato con un titolo di studio che nulla c’entrava con la funzione che avrebbe dovuto svolgere. La vicenda dell'affidamento dell'incarico esterno di coordinatore di piano dell'Unione dei Comuni dell'Ambito ...segue

 

Evitata chiusura sportello postale
Comune applica sentenza Consiglio di Stato

26.03.15 Pontelatone - Non chiuderà l’ufficio postale di Treglia, la popolosa frazione pontelatonese che rischiava, dal prossimo 13 aprile, di vedersi privata di un importante servizio per le scelte aziendali adottate da Poste Italiane nell’ottica del contenimento dei costi di funzionamento della rete periferica. Su pressione delle Amministrazioni dei comuni interessati dal piano di ridimensionamento, in primis del Sindaco ...segue

 

Regione, Settembre al Borgo 2015
Incontro per istituzionalizzare l'evento

25.03.15 Caserta - “Ringrazio l’assessore regionale Pasquale Sommese per la disponibilità ad organizzare un incontro per lunedì prossimo a Palazzo Santa Lucia, perché finalmente verrà recepita la volontà dell’Amministrazione comunale della Città di Caserta, più volte rappresentata ...segue

Arienzo, aumentata la sicurezza
Furti in abitazione ed atti vandalici in calo

25.03.15 Arienzo - Dopo tre mesi di sperimentazione, l’Amministrazione Comunale delega ad una società privata di vigilanza, la sicurezza dei propri edifici e delle aree pubbliche. Nei mesi in cui il servizio di vigilanza è stato svolto, relazioni ufficiali dei VV.UU. evidenziano una drastica ...segue

 

  

 


SUN, istanza per Università di Caserta
Ampia condivisione per cambio denominazione

24.03.15 Caserta - "Sindaci, ordini professionali, noi parlamentari: anche stamattina è emersa chiara la volontà di un territorio e delle sue rappresentanze istituzionali e sociali a non essere mortificato ed è una istanza che non può essere ignorata. Ne va della dignità di questa provincia e sembra strano percepire che al contrario pare ci sia quasi timore ad usare il nome di Caserta nella nuova denominazione della Sun". Così Camilla Sgambato ha chiuso l'incontro di stamattina con i sindaci dei comuni interessati, i rappresentanti degli ...segue

 

Vitale risponde a Rifare Caserta
In merito all'accordo firmato giovedì

22.03.15 Caserta - “Attaccare la nuova governance dell’Asi per aver stipulato un accordo che garantirà trasparenza e legalità, dimostra lo stato di confusione che attraversa una parte del partito, evidentemente rimasta a corto di argomenti per screditare un presidente che, fin dal giorno successivo al suo insediamento, non si è piegata alle polemiche ed ha operato per avviare una nuova fase di sviluppo per questa martoriata terra”. E’ il commento del segretario provinciale del Pd Caserta Raffaele Vitale al documento diffuso da Rifare ...segue

 


Cerchia, no Università della Campania
Un danno per l'Università e la provincia

19.03.15 Caserta - "Non mi appassionano i localismi, né sono troppo affezionato a questioni nominalistiche. Ma la vicenda della nuova intestazione della Seconda Università di Napoli non mi pare che abbia molto a che vedere con il localismo o il nominalismo. Sed nomina sunt consequentia rerum, il tema vero riguarda il progetto e la missione da rimodulare e d'affidare all'Ateneo, in raccordo o meno con il territorio che la ospita. Anche per il mestiere che svolgo, ho il massimo rispetto nei confronti del Rettore e dei colleghi che stanno ...segue