Elezioni, analisi situazione politica
Caserta, "Un candidato ogni cento abitanti "

22.03.10 - Un candidato ogni cento abitanti. Nella provincia di Caserta sarà strenua la lotta per il voto, a giudicare dai numeri. In un territorio che conta circa 900 mila residenti, saranno infatti in 900, spalmati su 25 liste, a contendersi una preferenza. Sette gli aspiranti presidenti. Ma gli unici con chance di vittoria sono Domenico Zinzi, deputato dell’Udc che corre per il centrodestra con il sostegno di 13 liste, e Giuseppe Stellato, consigliere regionale uscente del Pd, appoggiato da sette liste di centrosinistra. In un territorio vessato dalla camorra, dal problema mai risolto dei rifiuti e dalla carenza di lavoro, la non facile sfida di governo presenta fin d’ora un obiettivo comune: risalire la classifica della qualità della vita, che nel 2009 collocava Caserta al non invidiabile 103esimo posto, tra le 107 province d’Italia, in calo di nove posizioni rispetto al 2008.

Non ha di certo aiutato, il fatto di essere in campagna elettorale da ormai un anno. Il 24 marzo del 2009, infatti, il presidente Sandro De Franciscis, eletto nelle file del Pd, decideva di rassegnare le dimissioni «per motivi esclusivamente personali». De Franciscis abbandonava la guida del casertano per occuparsi del Bureau Medical di Lourdes, l’organismo che raccoglie la documentazione medica sulle guarigioni. Una vocazione missionaria, dunque, che ha portato allo scioglimento del consiglio provinciale e a un anno intero di commissariamento, in attesa del voto. Un anno segnato soprattutto dall’emergenza rifiuti. Problema, raccontano le cronache degli ultimi giorni, lontano dall’essere definitivamente risolto. I cassonetti e le strade hanno infatti ricominciato a straripare di buste di plastica e spazzatura di ogni genere, a causa di una protesta, iniziata la scorsa settimana e tuttora in corso, di 1300 operatori ecologici che sono da due mesi senza stipendio.

E poi c’è la camorra. Da sempre cruccio delle campagne elettorali, per il timore di infiltrazioni. Occhi ben aperti, dunque, da parte della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, che ha avviato un’indagine conoscitiva su tutti i candidati campani. All’inizio di marzo, il questore di Caserta ha emesso una diffida nei confronti di un esponente centrista, per presunte relazioni con persone vicine al clan dei casalesi. Immediato l’intervento dell’Udc: “Il candidato Luigi Cassandra – si legge in un comunicato - con senso di responsabilità si è sospeso dal partito e si è ritirato dalla competizione elettorale. Pur essendo un atto di natura meramente amministrativa e non giudiziaria, non possiamo ignorare la rilevanza politica del provvedimento”.

Altre questioni, squisitamente politiche, hanno invece agitato le acque del centrodestra al momento della scelta del candidato presidente. Il coordinatore regionale del Pdl e sottosegretario Nicola Cosentino è arrivato a presentare le dimissioni, poi ritirate, dal partito e dal governo, quando da Roma è arrivata la notizia dell’alleanza campana Pdl-Udc, che avrebbe comportato la candidatura di Zinzi a Caserta. Una volta risolta questa grana, poi, l’ex ministro Mario Landolfi aveva minacciato di presentare la sua candidatura contro Zinzi, pur di bloccare il «mercato delle vacche» delle liste che andavano proliferando in appoggio al candidato.

L’inizio della campagna elettorale ha messo a tacere ogni dissidio. Il centrodestra si è ritrovato compattato dall’obiettivo di conquistare la quarta provincia campana, dopo le vittorie a Napoli, Salerno e Avellino dello scorso anno (mancherebbe solo Benevento). Ma il centrosinistra assicura che la cosa non è scontata. Pd, Udc, SeL, Api e Verdi si sono compattati senza grossi dissidi attorno a Stellato. Solo la Federazione della sinistra (Prc-Pdci) appoggia un candidato diverso: Antonio Dell’Aquila. Mentre gli altri aspiranti presidenti sono Giuseppe Vozza, di Speranza provinciale, Pasquale Merola, del Movimento della libertà-Liberal democratici, Salvatore Cervo, di Stop camorra, e l’immancabile Giuseppe Cirillo, che alle scorse provinciali si era presentato con la lista Preservativi gratis e questa volta è alla guida del Partito impotenti esistenziali.
(Serenella Mattera, www.tg24.sky.it)

Pasquale Antonucci: lascio NCD
Adesione ai Democratici Popolari per Caserta

20.01.15 Caserta - Lascio il NuovoCentroDestra dopo piu’ di un anno di militanza ;non nascondo che per me, proveniente da una lista civica, è stata una bellissima esperienza che mi ha maturato tantissimo in termini politici. Le ultime vicende, legate all’assetto locale del partito, mi hanno portato a riflettere ed a valutare a fondo la mia posizione per meglio mettere a disposizione della Città le mie potenzialità e ...segue

 

Consulta dei Sindaci azzurri di Caserta
Presso la sede provinciale di Forza Italia

09.01.15 Caserta - Nel pomeriggio di oggi, presso la sede del Coordinamento provinciale di Forza Italia Caserta, è tornata a riunirsi la Consulta dei Sindaci azzurri di Terra di Lavoro. Sotto la presidenza del Coordinatore provinciale, On. Carlo Sarro, ed alla presenza del Consigliere regionale e Responsabile Enti Locali del partito, On. Domenico Ventriglia, del Sindaco della Città di Capua e Responsabile Organizzativo ...segue

Presunto complotto ai danni del sindaco
Gruppo consiliare del Pd chiede chiarezza

10.12.14 Caserta - Il gruppo consiliare del Partito Democratico di Caserta, successivamente alle dichiarazioni del sindaco Pio Del Gaudio che ipotizzava un complotto ai danni della Giunta finalizzato a infangare le attività di valorizzazione della Reggia messe in campo dalla maggioranza, invita il primo cittadino a recarsi con urgenza in Procura per denunciare questa presunta macchinazione criminale che opererebbe ai suoi danni. ...segue

 

Radicali Caserta aderisce al Satyagraha
Per evidenziare problematica della giustizia

08.12.14 Caserta - L’Associazione Radicale “Legalità e Trasparenza” di Caserta nel confermare l’adesione al Satyagraha in corso di Marco Pannella e Rita Bernardini per affermare la legalità nell’amministrazione della Giustizia e per fermare le cause strutturali che fanno delle nostre carceri luoghi di trattamenti inumani e degradanti ribadisce attraverso il quotidiano nazionale “Cronache de Il Garantista” la gravosa problematica ...segue

 

UDC, Consoli inaugura sede Maddaloni
Il segretario nazionale Cesa a Caserta

07.12.14 Maddaloni - Il coordinatore provinciale On. Angelo Consoli comunica che nel prossimo fine settimana sarà a Caserta e provincia il Segretario Nazionale On. Lorenzo Cesa. Nel contempo l’On. Consoli ha inaugurato la nuova sede Udc Costituente Popolare sezione di Maddaloni in via F. ...segue

Giovani Democratici in protesta
Occupano la sede del Pd regionale

29.11.14 Napoli - Oltre cinquanta Giovani Democratici della provincia di Caserta stanno presidiando la sede del Partito Democratico Campano di via Santa Brigida a Napoli. “Chiediamo democrazia, pretendiamo il rispetto per l’autonomia dei territori e per il lavoro svolto sempre con passione, ...segue

 

  

 


Nota del Pd sul canile comunale
"Non facciamo alcuna dietrologia"

04.11.14 Caserta - “Noi crediamo che il canile comunale non vada sostenuto con aperitivi e incontri mondani ma con scelte politiche serie e lungimiranti. Non credo ci sia bisogno di ricordare che fu proprio il Pd, nel penultimo bilancio, a portare i fondi a disposizione del canile fino a 100.000 euro”, questa la contro-risposta del consigliere comunale Pd Enrico Tresca al comunicato stampa diffuso nella giornata di ieri dal vicecapogruppo di Forza Italia Lucrezia Cicia. “Non facciamo alcuna dietrologia rispetto alla vicenda del canile e al ...segue

 

Interramento della stazione di Caserta
Il Pd presenta le prime iniziative concrete

24.10.14 Caserta - “La città di Caserta e la sua conurbazione non possono permettersi di restare tagliati fuori dal progetto di ridefinizione della tratta ferroviaria ad Alta Velocità Bari-Napoli-Roma”, queste le parole del Consigliere comunale Pd Enrico Tresca che, nel corso di una conferenza stampa tenutasi questa mattina presso la sede cittadina del partito in via Turati, ha presentato un apposito ordine del giorno sull’argomento che sarà presto discusso in Consiglio comunale. Il Partito Democratico si è fatto carico di questo progetto ...segue

 


Pio Del Gaudio a Montecitorio
Il Governo dia risposte ai comuni

06.10.14 Roma - Il sindaco Pio Del Gaudio sta partecipando da questa mattina alla Camera dei Deputati all'incontro “I Sindaci d'Italia nell'Aula di Montecitorio. Idee per il futuro del Paese”. L'iniziativa, introdotta dal presidente della Camera Laura Boldrini, nasce dall'esigenza di discutere a livello interistituzionale delle questioni di particolare interesse per l’Anci e per i Comuni: ambiente, finanza locale, immigrazione, legalità, politiche di genere, ordinamento e welfare. Con Del Gaudio, dalla provincia di Caserta, tra gli altri ...segue