Elezioni, analisi situazione politica
Caserta, "Un candidato ogni cento abitanti "

22.03.10 - Un candidato ogni cento abitanti. Nella provincia di Caserta sarà strenua la lotta per il voto, a giudicare dai numeri. In un territorio che conta circa 900 mila residenti, saranno infatti in 900, spalmati su 25 liste, a contendersi una preferenza. Sette gli aspiranti presidenti. Ma gli unici con chance di vittoria sono Domenico Zinzi, deputato dell’Udc che corre per il centrodestra con il sostegno di 13 liste, e Giuseppe Stellato, consigliere regionale uscente del Pd, appoggiato da sette liste di centrosinistra. In un territorio vessato dalla camorra, dal problema mai risolto dei rifiuti e dalla carenza di lavoro, la non facile sfida di governo presenta fin d’ora un obiettivo comune: risalire la classifica della qualità della vita, che nel 2009 collocava Caserta al non invidiabile 103esimo posto, tra le 107 province d’Italia, in calo di nove posizioni rispetto al 2008.

Non ha di certo aiutato, il fatto di essere in campagna elettorale da ormai un anno. Il 24 marzo del 2009, infatti, il presidente Sandro De Franciscis, eletto nelle file del Pd, decideva di rassegnare le dimissioni «per motivi esclusivamente personali». De Franciscis abbandonava la guida del casertano per occuparsi del Bureau Medical di Lourdes, l’organismo che raccoglie la documentazione medica sulle guarigioni. Una vocazione missionaria, dunque, che ha portato allo scioglimento del consiglio provinciale e a un anno intero di commissariamento, in attesa del voto. Un anno segnato soprattutto dall’emergenza rifiuti. Problema, raccontano le cronache degli ultimi giorni, lontano dall’essere definitivamente risolto. I cassonetti e le strade hanno infatti ricominciato a straripare di buste di plastica e spazzatura di ogni genere, a causa di una protesta, iniziata la scorsa settimana e tuttora in corso, di 1300 operatori ecologici che sono da due mesi senza stipendio.

E poi c’è la camorra. Da sempre cruccio delle campagne elettorali, per il timore di infiltrazioni. Occhi ben aperti, dunque, da parte della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, che ha avviato un’indagine conoscitiva su tutti i candidati campani. All’inizio di marzo, il questore di Caserta ha emesso una diffida nei confronti di un esponente centrista, per presunte relazioni con persone vicine al clan dei casalesi. Immediato l’intervento dell’Udc: “Il candidato Luigi Cassandra – si legge in un comunicato - con senso di responsabilità si è sospeso dal partito e si è ritirato dalla competizione elettorale. Pur essendo un atto di natura meramente amministrativa e non giudiziaria, non possiamo ignorare la rilevanza politica del provvedimento”.

Altre questioni, squisitamente politiche, hanno invece agitato le acque del centrodestra al momento della scelta del candidato presidente. Il coordinatore regionale del Pdl e sottosegretario Nicola Cosentino è arrivato a presentare le dimissioni, poi ritirate, dal partito e dal governo, quando da Roma è arrivata la notizia dell’alleanza campana Pdl-Udc, che avrebbe comportato la candidatura di Zinzi a Caserta. Una volta risolta questa grana, poi, l’ex ministro Mario Landolfi aveva minacciato di presentare la sua candidatura contro Zinzi, pur di bloccare il «mercato delle vacche» delle liste che andavano proliferando in appoggio al candidato.

L’inizio della campagna elettorale ha messo a tacere ogni dissidio. Il centrodestra si è ritrovato compattato dall’obiettivo di conquistare la quarta provincia campana, dopo le vittorie a Napoli, Salerno e Avellino dello scorso anno (mancherebbe solo Benevento). Ma il centrosinistra assicura che la cosa non è scontata. Pd, Udc, SeL, Api e Verdi si sono compattati senza grossi dissidi attorno a Stellato. Solo la Federazione della sinistra (Prc-Pdci) appoggia un candidato diverso: Antonio Dell’Aquila. Mentre gli altri aspiranti presidenti sono Giuseppe Vozza, di Speranza provinciale, Pasquale Merola, del Movimento della libertà-Liberal democratici, Salvatore Cervo, di Stop camorra, e l’immancabile Giuseppe Cirillo, che alle scorse provinciali si era presentato con la lista Preservativi gratis e questa volta è alla guida del Partito impotenti esistenziali.
(Serenella Mattera, www.tg24.sky.it)

Radicali Caserta aderisce al Satyagraha
Per evidenziare problematica della giustizia

08.12.14 Caserta - L’Associazione Radicale “Legalità e Trasparenza” di Caserta nel confermare l’adesione al Satyagraha in corso di Marco Pannella e Rita Bernardini per affermare la legalità nell’amministrazione della Giustizia e per fermare le cause strutturali che fanno delle nostre carceri luoghi di trattamenti inumani e degradanti ribadisce attraverso il quotidiano nazionale “Cronache de Il Garantista” la gravosa problematica ...segue

 

UDC, Consoli inaugura sede Maddaloni
Il segretario nazionale Cesa a Caserta

07.12.14 Maddaloni - Il coordinatore provinciale On. Angelo Consoli comunica che nel prossimo fine settimana sarà a Caserta e provincia il Segretario Nazionale On. Lorenzo Cesa. Nel contempo l’On. Consoli ha inaugurato la nuova sede Udc Costituente Popolare sezione di Maddaloni in via F. Imposimato 12, alla presenza del comitato cittadino coordinato da Angelo Santonastaso, con Gaetano Giglio, Alessandro Gentile, Giulio Farina, ...segue

Giovani Democratici in protesta
Occupano la sede del Pd regionale

29.11.14 Napoli - Oltre cinquanta Giovani Democratici della provincia di Caserta stanno presidiando la sede del Partito Democratico Campano di via Santa Brigida a Napoli. “Chiediamo democrazia, pretendiamo il rispetto per l’autonomia dei territori e per il lavoro svolto sempre con passione, militanza e risultati visibili. Questa ingerenza ingiustificata e ingiustificabile da parte dei vertici regionali dell’organizzazione ci obbliga ...segue

 

Nota del Pd sul canile comunale
"Non facciamo alcuna dietrologia"

04.11.14 Caserta - “Noi crediamo che il canile comunale non vada sostenuto con aperitivi e incontri mondani ma con scelte politiche serie e lungimiranti. Non credo ci sia bisogno di ricordare che fu proprio il Pd, nel penultimo bilancio, a portare i fondi a disposizione del canile fino a 100.000 euro”, questa la contro-risposta del consigliere comunale Pd Enrico Tresca al comunicato stampa diffuso nella giornata di ieri dal ...segue

 

Interramento della stazione di Caserta
Il Pd presenta le prime iniziative concrete

24.10.14 Caserta - “La città di Caserta e la sua conurbazione non possono permettersi di restare tagliati fuori dal progetto di ridefinizione della tratta ferroviaria ad Alta Velocità Bari-Napoli-Roma”, queste le parole del Consigliere comunale Pd Enrico Tresca che, nel corso di una conferenza ...segue

Pio Del Gaudio a Montecitorio
Il Governo dia risposte ai comuni

06.10.14 Roma - Il sindaco Pio Del Gaudio sta partecipando da questa mattina alla Camera dei Deputati all'incontro “I Sindaci d'Italia nell'Aula di Montecitorio. Idee per il futuro del Paese”. L'iniziativa, introdotta dal presidente della Camera Laura Boldrini, nasce dall'esigenza di discutere ...segue

 

  

 

 


Coordinamento provinciale Forza Italia
Carlo Sarro ha incontrato i rappresentanti

02.10.14 Caserta - Si è tenuto questo pomeriggio, presso il coordinamento provinciale di Forza Italia Caserta, un incontro tra il commissario del partito in Terra di Lavoro, On. Carlo Sarro, ed i rappresentanti azzurri della città di Santa Maria Capua Vetere. Alla presenza dell'assessore regionale all'Agricoltura e delegata ai rapporti del partito con la Giunta Regionale, On. Daniela Nugnes, e del consigliere regionale e responsabile Enti Locali, On. Domenico Ventriglia, il vertice provinciale di Forza Italia ha ascoltato direttamente dai ...segue

 

Caso Cosentino, sentenza Cassazione
D'Anna e Milo: è un pregiudizio politico

16.09.14 Napoli - “Nel leggere le motivazioni che la sezione feriale della Cassazione ha addotto per confermare la misura cautelare nei confronti di Nicola Cosentino, non si può che restare basiti di fronte all’inconsistenza dei rilievi mossi all’ex parlamentare di Forza Italia ed all’evidente pregiudizio politico che accompagna le decisioni della magistratura nei suoi confronti”. Così, in una nota congiunta, i senatori del gruppo Gal, Vincenzo D’Anna e Antonio Milo. “Non crediamo – proseguono - rientri nel novero delle cose criminogene ...segue

 


Il PD provinciale riparte dai territori
Il calendario di incontri con i Circoli

15.09.14 Caserta - “Dopo una lunga fase congressuale che ha portato al rinnovo degli organismi dirigenti di quasi tutti i Circoli della nostra provincia, la nascita di nuove ed entusiasmanti realtà e la rivitalizzazione dell’attività politica dove da anni mancava, è tempo di passare ad una fase nuova: tradurre in azioni concrete le proposte congressuali di tutti i Circoli e provare a dare risposte alle numerose problematiche dei nostri Comuni”. Con questo spirito, la Segreteria provinciale con una nota a firma di Vito Marotta, ...segue