Elezioni, analisi situazione politica
Caserta, "Un candidato ogni cento abitanti "

22.03.10 - Un candidato ogni cento abitanti. Nella provincia di Caserta sarà strenua la lotta per il voto, a giudicare dai numeri. In un territorio che conta circa 900 mila residenti, saranno infatti in 900, spalmati su 25 liste, a contendersi una preferenza. Sette gli aspiranti presidenti. Ma gli unici con chance di vittoria sono Domenico Zinzi, deputato dell’Udc che corre per il centrodestra con il sostegno di 13 liste, e Giuseppe Stellato, consigliere regionale uscente del Pd, appoggiato da sette liste di centrosinistra. In un territorio vessato dalla camorra, dal problema mai risolto dei rifiuti e dalla carenza di lavoro, la non facile sfida di governo presenta fin d’ora un obiettivo comune: risalire la classifica della qualità della vita, che nel 2009 collocava Caserta al non invidiabile 103esimo posto, tra le 107 province d’Italia, in calo di nove posizioni rispetto al 2008.

Non ha di certo aiutato, il fatto di essere in campagna elettorale da ormai un anno. Il 24 marzo del 2009, infatti, il presidente Sandro De Franciscis, eletto nelle file del Pd, decideva di rassegnare le dimissioni «per motivi esclusivamente personali». De Franciscis abbandonava la guida del casertano per occuparsi del Bureau Medical di Lourdes, l’organismo che raccoglie la documentazione medica sulle guarigioni. Una vocazione missionaria, dunque, che ha portato allo scioglimento del consiglio provinciale e a un anno intero di commissariamento, in attesa del voto. Un anno segnato soprattutto dall’emergenza rifiuti. Problema, raccontano le cronache degli ultimi giorni, lontano dall’essere definitivamente risolto. I cassonetti e le strade hanno infatti ricominciato a straripare di buste di plastica e spazzatura di ogni genere, a causa di una protesta, iniziata la scorsa settimana e tuttora in corso, di 1300 operatori ecologici che sono da due mesi senza stipendio.

E poi c’è la camorra. Da sempre cruccio delle campagne elettorali, per il timore di infiltrazioni. Occhi ben aperti, dunque, da parte della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, che ha avviato un’indagine conoscitiva su tutti i candidati campani. All’inizio di marzo, il questore di Caserta ha emesso una diffida nei confronti di un esponente centrista, per presunte relazioni con persone vicine al clan dei casalesi. Immediato l’intervento dell’Udc: “Il candidato Luigi Cassandra – si legge in un comunicato - con senso di responsabilità si è sospeso dal partito e si è ritirato dalla competizione elettorale. Pur essendo un atto di natura meramente amministrativa e non giudiziaria, non possiamo ignorare la rilevanza politica del provvedimento”.

Altre questioni, squisitamente politiche, hanno invece agitato le acque del centrodestra al momento della scelta del candidato presidente. Il coordinatore regionale del Pdl e sottosegretario Nicola Cosentino è arrivato a presentare le dimissioni, poi ritirate, dal partito e dal governo, quando da Roma è arrivata la notizia dell’alleanza campana Pdl-Udc, che avrebbe comportato la candidatura di Zinzi a Caserta. Una volta risolta questa grana, poi, l’ex ministro Mario Landolfi aveva minacciato di presentare la sua candidatura contro Zinzi, pur di bloccare il «mercato delle vacche» delle liste che andavano proliferando in appoggio al candidato.

L’inizio della campagna elettorale ha messo a tacere ogni dissidio. Il centrodestra si è ritrovato compattato dall’obiettivo di conquistare la quarta provincia campana, dopo le vittorie a Napoli, Salerno e Avellino dello scorso anno (mancherebbe solo Benevento). Ma il centrosinistra assicura che la cosa non è scontata. Pd, Udc, SeL, Api e Verdi si sono compattati senza grossi dissidi attorno a Stellato. Solo la Federazione della sinistra (Prc-Pdci) appoggia un candidato diverso: Antonio Dell’Aquila. Mentre gli altri aspiranti presidenti sono Giuseppe Vozza, di Speranza provinciale, Pasquale Merola, del Movimento della libertà-Liberal democratici, Salvatore Cervo, di Stop camorra, e l’immancabile Giuseppe Cirillo, che alle scorse provinciali si era presentato con la lista Preservativi gratis e questa volta è alla guida del Partito impotenti esistenziali.
(Serenella Mattera, www.tg24.sky.it)


 
 

Commissione pari opportunità
Adele Vairo eletta alla presidenza

17.07.14 Caserta - «Invito la Commissione a lavorare con rinnovata lena per recuperare il tempo fin qui trascorso. Essa è guidata e costituita da donne di qualità alle quali va il mio apprezzamento. Sono contento anche per la concomitanza dell’avvio di questo organismo nella giornata che ha visto confermata la visita del Papa a Caserta. Due occasioni per il rilancio di Caserta». Lo dichiara il sindaco Pio Del Gaudio al termine ...segue

 

L'assessore De Negri si è dimesso
Per problemi personali e con rammarico

16.07.14 Caserta - L'assessore Felicita De Negri ha rassegnato "per problemi personali e con rammarico" le sue dimissioni irrevocabili restituendo al sindaco Pio Del Gaudio le deleghe alla Cultura, alla Pubblica Istruzione e all'Edilizia Scolastica. "L'assessore De Negri - dichiara il sindaco - mi ha comunicato la volontà delle sue dimissioni. La ringrazio per le parole di stima indirizzate a me e all'onorevole Giovanna Petrenga ...segue

Graziano presidente del Pd campano
Il plauso del partito provinciale Vitale

15.07.14 Caserta - Stefano Graziano,è il nuovo Presidente del partito regionale. Su di lui sono confluiti i voti all'unanimità di tutte le componenti del Pd campano. Un risultato prestigioso ma non inatteso, per il Partito casertano che inanella così in poco tempo quattro storici risultati: portare in Europa un suo rappresentante, ampliare la propria rappresentanza istituzionale e imporsi come primo partito provinciale. "Quando il ...segue

 

Speranza porta il Puc un piazza
unedì 14 luglio alla chiesa del Buon Pastore

13.07.14 Caserta - Cosa sanno i cittadini casertani del redigendo Piano Urbanistico Comunale? Sono a conoscenza del fatto che, entro luglio 2015, il Consiglio Comunale dovrà approvarlo? Ad oggi, nonostante si viaggi già in regime di proroga (la scadenza originaria era per gennaio 2014), la politica va a passo di lumaca, eppure la commessa di piano è ormai “vecchia” di ben sette anni! Non è stato ancora adottato in Giunta il ...segue

 

Rendiconto Comune di Caserta
La condanna del Partito Democratico

“Il Partito Democratico stigmatizza il fatto che, a due giorni dalla discussione consiliare sul rendiconto 2013 del Comune di Caserta, l’amministrazione Del Gaudio decida, attraverso una improvvisa iniziativa di Giunta prodotta a due giorni dalla convocazione del Consiglio, di farsi fare un ...segue

Santangelo nuovo assessore comunale
Deleghe “Lavoro e Formazione, Ambiente”

26.06.14 Caserta - Il sindaco di Caserta Pio Del Gaudio ha nominato nuovo assessore l’architetto Lucio Santangelo, affidandogli le deleghe “Lavoro e Formazione, Ambiente”. “L’architetto Santangelo – ha spiegato il sindaco – è un ottimo professionista che potrà dare un importante contributo ...segue

 

  

 


Sconfitta elettorale FI a Caserta
D'Anna contro le dichiarazioni di Antropoli

10.06.14 Caserta - Sono molti i dirigenti e i militanti di Forza Italia in provincia di Caserta che tuttora si interrogano su quale sia la funzione della triade di coordinatori nominata a dirigere il partito dal… nominato coordinatore regionale Domenico De Siano. Una prima risposta viene dalle farneticanti affermazioni di Carmine Antropoli che, nella veste di Ascaro dei dirigenti napoletani, svolge il ruolo che fu di Tersite, personaggio omerico che si distingueva per essere volgare e maldicente nelle espressioni”. Così in una nota il ...segue

 

Ballottaggi: doppia vittoria del Pd
A Casale eletto il sindaco anticamorra

09.06.14 Caserta - Renato Franco Natale torna a guidare il comune di Casal di Principe all'insegna della lotta alla camorra a 20 anni dalla morte di don Peppino Diana. Da anni impegnato contro la criminalità organizzata, con il sostegno di alcune liste civiche, ha ottenuto al ballottaggio il 68% delle preferenze. Sconfitta la coalizione di Enricomaria Natale fermo al 32%. Il neo sindaco è componente di Libera, l'associazione impegnata nel recupero dei beni confiscati alle mafie.

"Un successo per il Partito e la conferma ...segue

 


Carlo Marino su Elezioni Europee
Ora al lavoro per dare risposte ai territori

29.05.14 Caserta - “La grande rivoluzione fatta di speranza e di obiettivi concreti si sta compiendo. Le elezioni europee hanno dimostrato, se ancora ce ne fosse stato bisogno, che avevamo visto giusto. Ora si può solo guardare avanti per crescere ancora”. Così Carlo Marino, leader e fondatore di Big Bang della provincia di Caserta saluta con soddisfazione il risultato elettorale del Partito Democratico anche in Terra di Lavoro. “Siamo felici come Big Bang – prosegue Marino – di aver contribuito a portare a casa un risultato a dir poco ...segue